17, Luglio, 2024

Paleofest 2020, un’edizione particolare tra vecchi e nuovi modi di raccontare la preistoria

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Due giorni dedicati alla paleontologia e alla preistoria tra cultura, letture, archeologia e molto altro. La nuova edizione del Paleofest si svolgerà tramite dirette social ed eventi in presenza

È un'edizione particolare e rivista per il periodo storico in cui stiamo vivendo, quella del Paleofest, organizzato dal Museo Paleontologico e dall'Accademia del Poggio di Montevarchi. Due giorni di iniziative tra paleontologia, letture, mostre e tanto altro si svolgeranno il 3 e il 4 ottobre nelle sale dell'Accademia del Poggio e del Chiostro di Cennano.

Incontri in presenza, ma anche dirette streaming sui canali social del Museo Paleontologico, questa la differenza con le edizioni precedenti dovuta alle normative anti-covid, ma l'obiettivo rimane lo stesso: avvicinare la comunità alla storia e alle ricchezze della storia più antica del Valdarno, bacino fossilifero di straordinaria importanza.

 

 

"Riteniamo che gli incontri in presenza siano necessari per tutti noi e come museo siamo legati a questo tipo di proposta culturale – spiega la direttrice del Museo Paleontologico Elena Facchino –  però si arricchirà anche di momenti virtuali, con mostre, spettacoli, approfondimenti scientifici in diretta streaming sui nostri social con traduzioni in inglese e in lingua dei segni. Abbiamo ritenuto importante puntare sull’accessibilità delle collezioni e dell’inclusione della proposta culturale."

"L’obiettivo che noi portiamo avanti da quattro anni è richiamare l’attenzione sul territorio del Valdarno – continua Facchino – non ci stanchiamo di raccontarlo anche se quest’anno con la situazione globale siamo stati costretti a riadattare il programma. Ci saranno comunque momenti in presenza perché crediamo molto al bisogno di tutti noi di potersi ritrovare e rincontrare, il programma prevederà spettacoli, laboratori, approfondimento scientifico e visite guidate all’interno del museo. Il nuovo linguaggio delle tecnologie e dei social maturato velocemente nel corso del lockdown è diventato un ulteriore elemento di arricchimento del programma culturale e un ulteriore strumento, ormai imprescindibile ma non sostitutivo, di narrare collezioni e programmi culturali delle istituzioni."

 

 

 

"Nonostante quello che è successo nel 2020 il fatto che il Museo Paleontologico abbia messo in piedi il Paleofest è motivo di orgoglio e qualcosa per il quale non si può far mancare nessun appoggio – afferma l'assessore alla cultura Maura Isetto – siamo partiti quattro anni fa e quest’anno a maggior ragione il mondo della paleontologia e della storia vanno sapute raccontare per saperne di più su di noi e il nostro passato. Sapersi rinnovare e trovare nuovi strumenti è qualcosa che va pienamente sottolineato e dobbiamo ringraziarvi per questi due giorni dedicati alla preistoria e paleontologia che userà anche linguaggi innovativi e moderni per raccontarsi attraverso social e dirette streaming, senza scordare gli appuntamenti in diretta e in presenza. Vi invitiamo a venire il 3 e il 4 ottobre a Montevarchi per scoprire attraverso il Paleofest, il nostro passato."

Qui il programma completo

 

 

Articoli correlati