02, Marzo, 2024

Opere pubbliche, la sindaca Mugnai sollecita Autostrade: “Aspettiamo da 8 mesi il via libera per costruire le due rotatorie di Incisa”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Ha colto l’occasione del sopralluogo sull’avanzamento dei lavori per la terza corsia A1, questa mattina, la sindaca di Figline e Incisa, Giulia Mugnai: ai responsabili di Autostrade per l’Italia, infatti, ha chiesto di sveltire i tempi per un via libera che il territorio aspetta da mesi. Si tratta della realizzazione a Incisa di due rotonde lungo la SR69, una all’intersezione con via XX settembre e una all’intersezione con via F.lli Rosselli/Barberino, due opere necessarie per eliminare entrambi i semafori e quindi migliorare il deflusso del traffico in quella zona.

Entrambi i progetti sono ormai esecutivi, ma il comune è impossibilitato a partire con la realizzazione, da otto mesi, per la mancata risposta proprio di Autostrade, finanziatore dell’opera, sulla congruità dei costi relativi all’intervento. “La realizzazione della terza corsia autostradale nel tratto tra Firenze sud e Incisa – spiega la sindaca Mugnai – è certamente strategica per l’Italia e ci coinvolge direttamente come territorio, anche perché il nostro Comune ha ottenuto da Autostrade spa due milioni di euro per realizzare degli interventi di miglioramento della viabilità sia su Incisa che su Burchio”.

“Noi infatti abbiamo completato la progettazione delle due rotonde a Incisa in sostituzione degli attuali semafori, per eliminare quelle code che, soprattutto nel tardo pomeriggio, fanno perdere tanti minuti preziosi ai nostri cittadini e alle nostre cittadine. Nella scorsa primavera, siamo arrivati al progetto esecutivo e sono quindi otto mesi che siamo pronti ad appaltare la gara per la realizzazione dell’intervento. Tuttavia è da maggio che aspettiamo il parere favorevole sia di Autostrade che del Ministero delle Infrastrutture, che devono esprimersi solo sul costo dell’opera, ovvero sulla congruità delle cifre, dal momento che il finanziatore dell’opera è proprio Autostrade. Otto mesi di attesa per avere semplicemente un sì”.

“Io credo che questi tempi siano incomprensibili e assurdi. Intanto – conclude Mugnai – i nostri cittadini e tutta la vallata aspettano questo intervento strategico, già finanziato, e pronto a partire. Peccato che non possa farlo perché semplicemente ‘manca un foglio’. Colgo quindi l’occasione di essere presente alla visita del ministro Salvini, perché ritengo doveroso far presente questa situazione inaccettabile. È inutile fare parate propagandistiche se poi il nostro Paese si blocca per un semplice assenso su due rotonde. Ora non possiamo più aspettare, perché la nostra città ha bisogno di quelle due infrastrutture. Quindi, spero che questo parere arrivi il prima possibile, perché noi dal giorno dopo saremo pronti a pubblicare la gara e a far partire l’opera”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati