28, Giugno, 2022

Nuovo sistema porta a porta, stasera l’incontro pubblico con Alia

Più lette

In Vetrina

Lunedì 5 novembre alle ore 21 primo incontro con i cittadini, in municipio a Figline, per spiegare ai cittadini le novità del servizio. Sarà presente anche l’assessore Tilli

Primo incontro pubblico con i cittadini di Figline e Incisa in vista del passaggio al sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta. Per illustrare tutte le novità del serizio porta a porta, che inizierà tra dicembre e gennaio nelle prime zone e sarà completato entro il  2019, l’azienda che gestisce il servizio, Alia spa, organizzerà una serie di incontri con i cittadini.

La prima assemblea pubblica è in programma questa sera, lunedì 5 novembre, alle ore 21 presso il municipio di Figline, alla presenza dell’assessore all’Ambiente Lorenzo Tilli e del direttore territoriale di Alia, Domenico Scamardella.

Il sistema di raccolta porta a porta dei rifiuti sarà introdotto eliminando le attuali postazioni composte da contenitori stradali a carico laterale con controllo volumetrico (sistema con chiavetta nelle aree di Incisa, Cesto, Gaville e Restone) e dove è attivo il servizio di prossimità. Rimarranno le sole campane verdi posizionate sul territorio per il corretto conferimento degli imballaggi in vetro.

In questa prima parte del progetto saranno coinvolte circa 2600 utenze, tra domestiche e non domestiche, che riceveranno dagli operatori di Alia un kit singolo per la raccolta differenziata dei rifiuti. Si tratta di 3 bidoncini di colore diverso: marrone per organico, giallo per carta e cartone e grigio per rifiuto residuo non differenziabile, oltre a sacchi azzurri per imballaggi in plastica/metalli/tetrapak/polistirolo e una borsa per gli imballaggi in vetro. Dove necessario, gli utenti saranno forniti di sacchi arancioni per la raccolta separata di pannolini e pannoloni. 

Per ogni informazione sarà a disposizione il call center di Alia, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30, il sabato dalle 8.30 alle 14.30 ai numeri 800 888 333 (da rete fissa, gratuito) o 199 105 105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore).

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati