01, Ottobre, 2022

Nuovo Isee, ancora tante difficoltà. Code nei Caf e ai Patronati. E sbaglia anche l’Inps

Più lette

In Vetrina

Procedure complicatissime e burocrazia lenta per il nuovo Isee, indispensabile per decine di pratiche, agevolazioni, pagamenti di tasse e tributi. Tutto passa dall’Inps che deve verificare e certificare. Ieri in Valdarno anche una decina di casi di Isee tornati indietro errati

Resta caotica la situazione sul fronte dei nuovi Isee, modificati dal 1 gennaio scorso da una normativa nazionale che ha ottenuto, per ora, solo il risultato di ingorgare i Caf e i Patronati, e complicare la vita a migliaia di cittadini. 

Anche in Valdarno code agli sportelli e tanta confusione. La procedura infatti è più complessa sotto due aspetti: il primo riguarda la documentazione da presentare, molto più 'corposa' rispetto agli anni scorsi, con dati anche di difficile reperibilità come la cosiddetta giacenza media dei conti correnti. Il secondo problema è la tempistica: serve molto più tempo di prima perché tutto l'Isee deve prima essere verificato dall'Inps, confrontato con le loro banche dati e poi rispedito indietro, con il via libera. Un'operazione che richiede circa una decina di giorni. 

E in tutto questo, se anche la burocrazia si inceppa è davvero il caos. Eppure può succedere. Ieri, in Valdarno, almeno una decina di cittadini hanno avuto una ceritificazione Isee che non coincide con le documentazioni fornite. In pratica, proprio durante il passaggio all'Inps qualcosa è andato storto, e le certificazioni tornate indietro non erano esatte. Ad accorgersi dell'errore è stato il Caf di Cna che ha subito avvisato i cittadini interessati. Se ci siano stati altri errori simili, in provincia di Arezzo ma potenzialmente in tutta Italia, visto che l'Inps opera a livello nazionale, per ora non è chiaro. 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati