19, Agosto, 2022

Nuova viabilità di Vaggio: aperta al traffico la prima parte della nuova rotonda

Più lette

In Vetrina

Primo step concluso per il progetto della nuova viabilità di Vaggio, a cavallo fra i comuni di Castelfranco Piandiscò e Reggello, dove i lavori sono iniziati alla fine del mese di febbraio. La ditta in questi giorni ha aperto al traffico la prima metà della rotonda che è in via di realizzazione: questo ha permesso di eliminare il semaforo per la viabilità alternata che creava lunghe code nelle ore di punta lungo la provinciale che collega Vaggio a Matassino.

Ora i lavori proseguiranno per completare l’intero tracciato della rotatoria, e successivamente si inizierà invece con la costruzione di un ponte sul Resco che, partendo proprio dalla nuova rotonda, approderà sul lato di Pian di Scò, dove la viabilità di via del Vecchietto sarà ampliata nel suo tratto finale, con un nuovo incrocio che farà da innesto su via del Varco in direzione di Faella. La consegna delle opere terminate è prevista prima di primavera 2023.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Castelfranco Piandiscò, Enzo Cacioli, che nell’occasione ha fatto il punto anche sugli altri cantieri in corso e in partenza: “Siamo molto contenti di aver ultimato la prima parte della rotonda che libererà Vaggio dalla velocità dei mezzi in transito. Con l’apertura della ‘semirotonda’ la circolazione è già riattivata. Altra notizia importante che arriva dalla Provincia di Arezzo, invece, riguarda la Galleria dei Poggi a Faella, che riaprirà a inizio luglio dopo la fine dei lavori di consolidamento”.

“Ci stiamo muovendo in queste settimane con due interventi in ciascuno dei tre centri principali – ha aggiunto Cacioli – a Castelfranco con il restauro delle facciate e della copertura del palazzo comunale, che sarà seguito dal completamento dei quadranti di piazza Vittorio Emanuele; a Faella interverremo su via Garibaldi, via Cavour, via Mazzini e via Galilei con le opere, mentre aspettiamo il nulla osta della Provincia per la nuova rotatoria all’ingresso del paese; a Pian di Scò stiamo per inaugurare la Casa della Cultura nella ex Filarmonica e completeremo con il centro polifunzionale presso i campi sportivi. E per il campo sportivo di Pian di Scò interverremo nel corso di quest’anno per alcuni interventi di emergenza”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati