16, Agosto, 2022

Nuova sede per il professionale Magiotti: il progetto entro l’anno. L’Istituto: “Una occasione importantissima”

Più lette

In Vetrina

L’Isis Varchi si appresta a vedere realizzata la nuova sede per il professionale, che potr cos lasciare la succursale di via Marconi. La Provincia di Arezzo ha intercettato un finanziamento ministeriale da 3 milioni e mezzo di euro, per costruire una nuova ala adiacente all’attuale sede del liceo

Finalmente gli studenti dell’Istituto Professionale Magiotti, all’interno dell’IIS “Varchi” di Montevarchi, avranno una nuova sede, che li ospiterà dopo la chiusura e la dismissione dello storico edificio, ormai vetusto, dove attualmente svolgono le attività  didattiche, quello di via Marconi. Ad annunciare ufficialmente la novità è lo stesso Istituto, dopo un tavolo di confronto in videoconferenza con la Presidente della Provincia di Arezzo, Silvia Chiassai Martini, l'ingegner Paolo Bracciali, e la Dirigente Scolastica, professoressa Chiar  Casucci e il suo staff.

"La concertazione tra Provincia e Istituto Varchi per individuare una soluzione alle notevoli criticità strutturali dei locali del Professionale, che penalizzano in modo esponenziale la regolare gestione delle attività scolastiche, si è fatta più costante e costruttiva nell'ultimo anno ed è giunta ad un risultato veramente  straordinario", commenta in una nota l'istituto scolastico.

Tra l'altro, la necessità di reperire una nuova sede per il Magiotti è scaturita anche  dall’aumento di iscrizioni alla classe prima per il prossimo anno scolastico, tanto da raggiungere la formazione di due sezioni, e dall’impegno del corpo docente di progettare e realizzare nel prossimo futuro nuove curvature, all’interno dell’offerta formativa: percorsi di studio che richiedono locali polifunzionali adeguati e ben allestiti. Del resto, già ora l’Istituto Magiotti, con l’indirizzo di Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale, che offre l’opportunità di svolgere al suo interno il Corso OSS, qualifica per la figura dell’operatore  socio-sanitario, rappresenta un’importante risorsa per il Valdarno.

La nuova opera edilizia, con gli impegni assunti nel settore dei Lavori Pubblici dell’Amministrazione  provinciale, prevede, sulla base di un preesistente progetto di massima di ampliamento della sede centrale del Varchi di viale Matteotti, la costruzione di un’ala dell’edificio in cui sarà collocato il Professionale, grazie anche ad un finanziamento ministeriale di 3 milioni e 500mila euro. "L'ingegner Bracciali ha pianificato step conseguibili in tempi brevi: nei prossimi mesi avverrà  l’affidamento dei lavori ad un gruppo di progetto e la conclusione della realizzazione dell’opera di edilizia è prevista per l’a.s. 2023/2024". 

"Come non essere entusiasti – commenta la dirigenza del Varchi – per questa importantissima occasione che costituisce, soprattutto per  i ragazzi che frequentano il nostro corso di studi socio-sanitario, la condizione di base per non  sentirsi più a disagio in un ambiente obsoleto e fatiscente e di veder realizzate le “battaglie” intraprese in questi ultimi anni per vivere la scuola in un luogo sicuro, accogliente e ben organizzato! Allo stesso tempo, il nuovo polo scolastico dell’IIS Varchi rappresenterà l’occasione, per tutta la  popolazione scolastica, di “fare comunità”, superando l’ormai improduttiva divisione tra plessi, e di sentirsi parte viva di un ambiente condiviso in cui ogni studente possa soddisfare il proprio  bisogno di appartenenza, ma anche di valorizzazione personale, e sviluppare le competenze  necessarie per affrontare le sfide personali, sociali e lavorative che la società richiede a tutti". 

"Un ringraziamento e un riconoscimento speciali vanno alla Presidente della Provincia – conclude la nota del Varchi – che ha  saputo dimostrare sensibilità e attenzione per la scuola in questi anni di mandato politico amministrativo, e alla sua capacità di concretizzare le risorse umane e materiali a disposizione". 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati