25, Giugno, 2024

Questo fine settimana torna il Paleofest: il festival della preistoria

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Si rinnova anche quest’anno il Paleofest: il festival della preistoria, organizzato dall’Accademia valdarnese del Poggio e il Museo Paleontologico di Montevarchi. Il Museo con le sue collezioni di fossili si apre alla cittadinanza offrendo una serie di iniziative scientifiche, artistiche ed educative intorno all’affascinante mondo della preistoria.

Gli eventi, organizzati nel chiostro di San Lodovico, in via Poggio Bracciolini, presso la Fabbrica della Conoscenza della Ginestra e distribuite sul territorio del Valdarno, nel rigoroso rispetto delle norme anticontagio, inizieranno sabato 2 con la visita guidata all’area mineraria della Centrale ENEL di Santa Barbara, luogo principe dei ritrovamenti fossili del Valdarno. Il Festival si apre la mattina in Sala grande dell’Accademia, che ospiterà l’incontro di Marco Rustioni, conservatore scientifico del Museo, sull’alimentazione nella preistoria. Nel pomeriggio, dopo la proiezione del
docufilm sulla grande scoperta e allestimento del fossile di Mammuthhus meridionalis di loc. Tasso, conferenza su I nostri Neanderthal di Giorgio Manzi, studioso di fama internazionale di paleoantropologia e docente all’Università La Sapienza di Roma.

L’approfondimento scientifico proseguirà domenica 3 nel pomeriggio con una tavola rotonda sugli studi condotti dall’Università di Firenze nei dintorni di Levane alla ricerca di tracce delle prime comunità umane. Nei due giorni dell’evento lo spazio del chiostro ospiterà la prima mostra del Premio Italiano di Paleoarte, con le opere d’arte ispirate alla preistoria arrivate da oltre settanta artisti italiani ed esteri, tra i quali la giuria di esperti premierà i vincitori nel pomeriggio di domenica. In contemporanea, il Sistema Museale del Valdarno e musei scientifici di varie località italiane apriranno i loro stand
all’esterno del museo per raccontare la paleontologia e i misteri di un passato lontano, che però ha molto da dire anche sul nostro presente. Durante tutto il fine settimana il Museo e la Fabbrica della conoscenza della Ginestra ospiteranno visite guidate e laboratori.

La domenica pomeriggio i musei ospiti animeranno, ancora nel chiostro, i laboratori educativi destinati ai più piccoli, come sempre entusiasti fruitori delle attività del Museo, per imparare giocando immersi nel mondo dei fossili.
Un’esperienza per adulti, giovani e giovanissimi, in cui il Museo abbraccia l’intera città. Tutti gli eventi sono su prenotazione, e l’accesso richiede l’esibizione del green pass. Per informazioni e prenotazioni basta scrivere a festival@accademiadelpoggio.it

Articoli correlati