23, Febbraio, 2024

Ringraziamenti e consegna di attestati di riconoscenza al personale delle associazioni di volontariato del Drive Through di Montalto

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il Valdarno saluta il drive Through di Montalto ringraziando gli operatori e le associazioni che in due anni lo hanno reso il punto di riferimento della vallata per i tamponi di diagnosi Covid-19. Stamani la cerimonia di consegna di attestati di ringraziamento alla presenza del direttore del distretto socio sanitario Stefania Magi, del Sindaco Simona Neri e del Presidente della Conferenza dei Sindaci Sergio Chienni.

 

Al Drive Through di Montalto sono stati effettuati in meno di due anni 61.000 tamponi fino a giovedì 3 marzo 2022, giorno della sua chiusura. Numeri che raccontano persone e storie accumunate dalla strada percorsa per effettuare quel test dall’esito sempre atteso con ansia, positivo o negativo e tutto ciò che esso comportava successivamente. Due anni intensi di un lavoro straordinario che ha reso un encomiabile servizio a tutta la vallata nel periodo difficile dell’emergenza sanitaria e che ha visto in campo una rete eccezionale di associazioni e operatori sanitari ogni giorno, compresi i festivi,con qualsiasi evento metereologico in corso.

“È stato un impegno straordinario, dichiara il direttore del distretto socio/sanitario del Valdarno Stefania Magi che ha coinvolto massivamente operatori sanitari e tante associazioni di volontariato. Per questo, oggi, li ringraziamo simbolicamente con la consegna di un attestato per la disponibilità, le energie profuse e la professionalità dimostrata. Grazie quindi alla Misericordia di S.Giustino Valdarno, la sezione di Montalto e la Fratres che con il proprio personale hanno affiancato senza sosta i professionisti della Asl e le aziende del territorio, come Gimar e Gs che ci hanno fornito strutture e materiali necessari al funzionamento del centro, all’Amministrazione Comunale di Laterina Pergine Valdarno al Sindaco Simona Neri e al Presidente della Conferenza dei Sindaci Sergio Chienni che ci sono sempre stati vicini e ci hanno sostenuto.”

“Non smetteremo mai di ringraziare gli operatori Asl e tutti i volontari della Misericordia S. Giustino Valdarno e di Montalto che hanno prestato il loro servizio a favore della nostra Provincia ed oltre – commenta il Sindaco di Laterina Pergine Valdarno Simona Neri-Una comunità di persone straordinarie che ha risposto fattivamente e con grande passione a favore del prossimo. Inumeri parlano chiaro ed evidenziano una struttura straordinaria fatta di donne e uomini che in uno dei momenti più critici si sono messi a disposizione della collettività sfidando il virus e rischiando a loro volta di portarlo a casa, nelle proprie famiglie. Un onore appartenere a questa comunità di professionisti ed associazioni che hanno lavorato insieme stringendosi in una collaborazione che ha servito i nostri territori. Grazie a Patrizia Castellucci, con lei e con tutto lo staff della Asl abbiamo corso contro il tempo ma l’organizzazione è partita fin da subito in modo esemplare, grazie anche a chi celermente ha messo a disposizione e montato le strutture del drive, così che contribuissero a riparare infermieri e volontari che hanno lavorato incessantemente in tutte le condizioni meteorologiche. Uno spiraglio di luce per tutti, si sta lentamente chiudendo una parentesi che ha portato tanto dolore ma che ha anche tirato fuori la bellezza della solidarietà, di cui l’Italia è certamente una superpotenza.”

“Negli anni della pandemia abbiamo constatato quanto l’impegno degli operatori sanitari e del volontariato sia fondamentale – commenta il Presidente della Conferenza dei Sindaci Chienni- Il caso del drive through di Montalto, così come è stato per le USCA, è un esempio virtuoso. Ci tengo a ringraziare tutti i soggetti coinvolti Azienda, volontari e Comune di Laterina Pergine Valdarno. L’auspicio è quello di continuare in questa direzione di collaborazione e di sentirsi comunità anche di fronte ad un’esperienza che ci ha sicuramente segnati e messi a dura prova”.

 

Articoli correlati