27, Febbraio, 2024

Nel centro storico di Figline arrivano nuovi varchi elettronici, regoleranno l’accesso dai corsi Mazzini e Matteotti

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Lavori in corso da oggi nei corsi Mazzini e Matteotti, nel centro storico di Figline: l’Amministrazione comunale ha dato il via all’installazione di due porte telematiche nei punti di accesso a piazza Marsilio Ficino. Una volta completata l’installazione, nel giro di pochi giorni, i due varchi controlleranno a distanza l’apertura e la chiusura della piazza senza ricorrere a catene e transenne mobili, come avveniva invece finora.

I varchi controlleranno l’accesso delle auto negli orari della Ztl nel periodo estivo (tutti i giorni dopo le 20 e la domenica, per l’intera giornata), durante gli eventi e i mercati. Rimane insomma la consueta organizzazione delle limitazioni e dell’area pedonale in centro, ma migliorando il decoro della zona e semplificando le operazioni di apertura e chiusura, che non necessiteranno più della presenza fisica di addetti e polizia municipale.

Meteo permettendo, le operazioni si concluderanno già la prossima settimana e i varchi entreranno in funzione da subito, chiarendo con una scritta ben visibile (“Varco attivo”/”Varco non attivo”) la possibilità di accesso o meno ai conducenti di veicoli.

“Questo intervento – spiega la sindaca Giulia Mugnai – si inserisce nella più ampia attività di riqualificazione del centro storico figlinese, che ha già riguardato illuminazione di piazza Ficino, gli arredi, l’abbattimento delle barriere architettoniche nei due corsi Mazzini e Matteotti e la riqualificazione dei Giardini Del Puglia, in corso. L’installazione dei varchi elettronici renderà più agevole l’attivazione delle limitazioni alla circolazione in centro storico già esistenti, ad esempio per il mercato, per alcuni eventi natalizi e per la ztl estiva, attiva dopo le 20 e per tutta la giornata di domenica. Solo in quei casi verranno attivate le nuove porte telematiche, in modo da evitare le attuali transenne mobili e catene, meno gradevoli alla vista”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati