26, Settembre, 2022

Morosità dei servizi scolastici, Morandini: “Rappresentazione fuorviante e non corretta da parte dell’opposizione”

Più lette

In Vetrina

L’assessore al bilancio del Comune di Terranuova, Gabriele Morandini, interviene in merito alle questioni sollevate dall’opposizione sui servizi scolastici

Dopo l'intervento della Lista Terranuova in Comune sulla morosità nei servizi scolastici e la mancanza del recupero delle somme dovute l’assessore al bilancio Gabriele Morandini replica: “La rappresentazione fatta dall’opposizione è fuorviante. Nel conteggio delle morosità dei servizi scolastici va esclusa l’annualità 2017 in quanto è ancora in fase di gestione amministrativa e per quota parte è recente l’invio dei bollettini alle famiglie per i versamenti dovuti”.

“Nel dettaglio, in merito al trasporto scolastico, la cifra complessiva non fa riferimento esclusivo solo al periodo dal 2011 in poi, come erroneamente dichiarato dall’opposizione, ma riguarda il periodo che va dal 2006. Se si scomputa l’ultimo anno, la morosità da recuperare ammonta a 64 mila euro, che divisa per il numero di anni di riferimento dà una media di circa 6.000 euro per anno da recuperare. A tal riguardo il Comune ha inviato i solleciti, attivato la procedura pre-coattiva e per quota parte ha affidato il recupero della morosità a Equitalia”.

“Per quanto riguarda il servizio mensa la morosità da considerare è di circa 197 mila euro, cifra che divisa per il numero di anni di riferimento (2011-2016) dà una media di circa 33.000 euro per anno. Per recuperare tale cifra l’amministrazione ha già proceduto ad inviare i previsti solleciti e ad attivare la fase precoattiva fino a tutto l’anno 2016”.

“Per quanto concerne il nido – aggiunge – se si scomputa l’anno 2017, la morosità è di circa 142.000 euro e fa riferimento al periodo 2006-2016, con una media di circa 10.000 euro per anno ed anche in questo caso sono stati fatti solleciti, avviate le procedure pre-coattive e per quota parte affidato il recupero delle morosità a Equitalia. Se si tolgono le somme che si sono già passate a Equitalia, per il nido, la percentuale di morosità è pari al 3,76% delle somme richieste”.

L'assessore Morandini conclude: “L’amministrazione, come è giusto che sia si è adoperata e si adopererà, per recuperare gli importi dovuti rimanenti. Inoltre il Comune sta già lavorando per istituire il prepagato sia per la mensa, che per il trasporto, a cominciare dal prossimo anno scolastico”.

Articoli correlati