28, Settembre, 2022

Moncioni: terminati gli interventi di ripulitura del verde a margine della strada. Collaborazione fra Comune e privati

Più lette

In Vetrina

In questi giorni a Moncioni tagliati erba e arbusti potenzialmente rischiosi, per la circolazione stradale. L’Amministrazione comunale ricorda a tutti che è in vigore l’ordinanza per la ripulitura del verde, anche nelle aree private se il verde ‘invade’ le zone pubbliche

Terminato nei giorni scorso, a Moncioni, un lavoro puntuale di ripulitura dalla vegetazione, fortemente voluto dall’Amministrazione comunale e portato avanti anche dai privati, nel tratto di strada che dal Ponte alla Sabina arriva fino all’abitato di Moncioni.

L’intervento ha riguardato principalmente il verde di proprietà privata posto ai lati della strada che, a causa della scarsa manutenzione, metteva a rischio l’incolumità pubblica. Gli uffici comunali avevano effettuato nei giorni scorsi una ricognizione individuando le situazioni di potenziale pericolo per la circolazione dei veicoli e pedoni.

I privati, contattati dal Comune, hanno collaborato e si sono occupati delle attività di ripulitura con un lavoro importante per la sicurezza e il decoro, soprattutto in osservanza dell’ordinanza n. 180/2017 inerente proprio la manutenzione di piantagioni di proprietà privata. L'ordinanza prevede l'obbligo, per i privati, di potatura con cadenza regolare di siepi e piante radicate che provocano restringimenti alla carreggiata o limitazioni alla visibilità della segnaletica; il taglio di ogni alberatura che risulti pericolosa per la circolazione stradale; la pulizia e la manutenzione del reticolo idraulico anche se non in diretta connessione con la viabilità per favorire il deflusso delle acque e la loro immissione nei canali principali.

L’ordinanza, che è tuttora in vigore, si applica su tutto il territorio comunale. Gli inadempienti rischiano una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro. Per questo motivo, l’Amministrazione comunale invita tutti i cittadini al rispetto delle disposizioni, anche mettendosi in contatto direttamente con gli uffici del Comune, onde evitare che i lavori necessari vengano eseguiti con addebito delle spese a carico deiproprietari.  

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati