21, Maggio, 2022

Mitigazione del rischio idraulico, interventi straordinari in arrivo in Valdarno

spot_img

Più lette

Il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, nel 2022, è riuscito ad intercettare finanziamenti per 8 milioni di euro, preziosi per contribuire alla mitigazione del rischio idraulico nell’intero comprensorio di competenza. Questi interventi si vanno ad aggiungere a tutti quelli già programmati. I lavori sono previsti anche in Valdarno aretino.

Un milione e 700 mila euro saranno destinati, tra gli altri, nel territorio di San Giovanni Valdarno, al ripristino della sezione idraulica e alla realizzazione di opere di protezione di sponda sul fiume Arno e all’adeguamento della sezione idraulica e delle arginature del Borro del Quercio; nel comune di Laterina Pergine Valdarno alla sistemazione del torrente L’Oreno;

Più di un milione e 200 mila euro, invece, derivano dal DPCM 18 giugno 2021 con cui vengono finanziati lavori volti alla messa in sicurezza del Paese in relazione al rischio idrogeologico. Si trasformerà in un poker di interventi, anche in Valdarno, che comprendono: il ripristino delle opere di difesa di sponda sul Torrente Trigesimo o Caposelvi nel comune di Montevarchi; il ripristino della sezione idraulica e la realizzazione di opere di protezione di sponda sul Borro della Renacciola e in un altro tratto nel Comune di San Giovanni V.no e Castelfranco Piandiscò.

Si tratta di cifre importanti che ci aiuteranno a rafforzare la lotta per la mitigazione del rischio idrogeologico – commenta la Presidente del Consorzio di Bonifica, Serena Stefani – La manutenzione ordinaria è uno strumento di prevenzione efficace, ma esistono criticità che si possono sanare solo con interventi di carattere straordinario. Il 2022 è un anno importante per migliorare la strategia anti alluvione, perché – grazie agli importanti finanziamenti ottenuti – riusciremo a dare una soluzione ad alcune annose problematiche”.

Articoli correlati