06, Febbraio, 2023

La questione Serristori discussa in Consiglio comunale a Reggello. Bartolini (FdI): “Chiusura del pronto soccorso, i responsabili sono chiari”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

È stata discussa nell’ultimo Consiglio comunale di Reggello una interrogazione presentata da Oleg Bartolini, consigliere di opposizione di Fratelli d’Italia, in merito alla situazione del Serristori. “L’interrogazione – spiega il consigliere – era mirata a sapere le ragioni per le quali il Sindaco Giunti non era presente all’incontro tenutosi l’11 novembre a Figline durante il quale abbiamo appreso la volontà dell’Assessore Regionale alla Sanità Bezzini di aprire un poliambulatorio sperimentale per i codici minori al posto del pronto soccorso. Oltre a ciò chiedevo di sapere quale fosse la posizione dell’Amministrazione di Reggello rispetto a questa decisione”.

“La risposta che ho avuto – commenta Bartolini – è a mio parere agghiacciante poiché il Sindaco Giunti non era stato invitato all’incontro, sintomo di uno scarso peso politico ricoperto sia nel suo partito che come Sindaco del Valdarno fiorentino. Inoltre ho avuto la conferma che l’impegno del Partito Democratico per la salvaguardia del pronto soccorso e dell’Ospedale è soltanto un impegno a parole. Gli “atti” che più volte ha citato il Sindaco nel suo intervento non so quali siano ma le chiacchere stanno a zero perché la chiusura del pronto soccorso è sotto gli occhi di tutti. Il Sindaco non si è espresso rispetto alla chiusura del pronto soccorso e sulla sostituzione con un poliambulatorio sperimentale ma anzi ha rassicurato che vigilerà affinché venga attuato il prima possibile. Quel che è certo è che se vigilerà nella stessa maniera nella quale ha vigilato sulla realizzazione del Punto di Primo Soccorso nel 2021 i cittadini del Valdarno rimarranno certamente senza servizi”.

“La risposta del Sindaco Giunti – dichiarano congiuntamente Oleg Bartolini e Marco Piccardi Portavoce di FdI a Reggello – ha confermato ancora una volta la volontà del Partito Democratico regionale di smantellare lentamente il presidio Serristori e l’incapacità del Pd locale e dei Sindaci del Valdarno fiorentino di imporsi a questo scempio. Quello che emerge ed è sotto gli occhi di tutti è che il Valdarno fiorentino si trova senza un presidio ospedaliero degno di questo nome e i responsabili sono chiari, hanno un nome ed un cognome, ovvero i Sindaci di Reggello, Figline ed Incisa, gli esponenti del Partito Democratico regionale e i dirigenti della ASL Toscana Centro. Il Partito Democratico deve smetterla di prendere in giro i cittadini e di giocare sul diritto alla salute. A questo scempio gli esponenti di Fratelli d’Italia del Valdarno fiorentino si opporranno sempre affinché venga tutelato il diritto alla salute di tutti”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati