01, Ottobre, 2022

La Curva Sud: “Il nuovo diesse non ci dà tranquillità”

Più lette

“La soluzione di cui si parla da giorni non è quella che auspichiamo per fare il salto di qualità”: così gli ultras del Montevarchi appena prima che la nomina di Giorgio Rosadini venisse ufficializzata. Il comunicato della Curva Sud

“I nomi che girano non ci danno tranquillità”. A dirlo sono i tifosi della Curva Sud a proposito della nomina del nuovo direttore sportivo dell'Aquila Montevarchi. Il chiaro riferimento è a Giorgio Rosadini, da diversi giorni l'indiziato numero uno a ricoprire l'incarico, la cui nomina è stata ufficializzata proprio pochi minuti dopo la diffusione del comunicato dei tifosi rossoblù.

“A mente fredda dopo la delusione della sconfitta ai play off – si legge nella nota della Curva Sud Vasco Farolfi pubblicata sulla sua pagina Facebook – , ci sembra giusto e doveroso rendere pubblici i nostri pensieri e le nostre considerazioni. Insieme a questa società, anche noi siamo ripartiti dai campi di Seconda categoria per ricostruire il calcio nella nostra città, con entusiasmo, fiducia e correttezza. E con altrettanta correttezza è arrivato il momento di dire la nostra”.

“Per tutto l'anno – spiegano i tifosi – abbiamo messo davanti a tutto il sostegno alla squadra e alla maglia, ma abbiamo sempre avuto sotto gli occhi quelli che per noi sono stati errori di programmazione e di gestione giganteschi ed evidenti. Dai rapporti con la federazione all'inesistente mercato di riparazione, ci siamo visti sconfitti in un campionato che con un minimo di organizzazione in più poteva essere vinto a mani basse”.

“Un anno a vuoto lo si concede, per inesperienza e bisogno di trovare un'organizzazione ottimale, ma due no. Per questo auspichiamo che venga nominato prima possibile un direttore sportivo che ben conosca la categoria e ci possa far fare il dovuto salto di qualità che questa piazza merita, nel rispetto dei ruoli di ognuno. Non ci sembra che i nomi che girano, soprattutto di soluzioni interne, vadano in questa direzione, né tantomeno ci fa stare tranquilli tutta questa indecisione”.
 

Articoli correlati