17, Agosto, 2022

“Infondato e illegittimo l’adeguamento tariffario richiesto da Publiacqua”: in atto una raccolta di firme

Più lette

In Vetrina

I cittadini di Castelfranco hanno ricevuto una lettera da Publiacqua per l’adeguamento delle tariffe. Il circolo Arci e il Movimento per l’acqua pubblica hanno promossa una raccolta di firme

Le adesioni sono già tante e possono ancora arrivare. Continua, infatti, la raccolta di firme promossa dal circolo Arci di Castelfranco e dal Movimento per l'acqua pubblica dopo le tante lettere arrivate ai cittadini da Publiacqua sull'adeguamento delle tariffe in seguito a verifiche sul territorio.

"Nelle lettere si comunica che le tariffe applicate non sono coerenti con i servizi erogati e che, da indagini effettuate, è emerso che le utenze interessate usufruiscano dei servizi previsti dalla Legge 13/2009. Senza fornire ulteriori informazioni in ordine ai servizi erogati e ai relativi importi tariffari, si preavvisa che la tariffa verrà ricalcolata e addebitata nelle fatture successive".

La Legge 13 del 27 febbraio 2009 nell’art 8 sexies, precisano gli organizzatori della raccolta firme,  stabilisce che gli oneri deducibili siano dovuti al gestore nel caso vi
siano attività di progettazione, realizzazione o completamento degli impianti di depurazione e in Valdarno non risultano tali attività.

"Si ritiene opportuno, inoltre, prendere atto del Decreto 32/2014 del direttore generale dell’AIT, restituzione della depurazione per il gestore Nuove Acque S.p.a., in cui si afferma che gi oneri deducibili previsti dalla Legge 13/2009 sono relativi ai soli impianti di
depurazione e non ai collettori, ancorchè funzionali all’estensione del servizio di
depurazione".

"Non si capisce come si pretenda di addebitare tali oneri agli utenti di Castelfranco di Sopra che a tutt’oggi non sono allacciati a nessun depuratore. Del resto l’inserimento in tariffa dei servizi ex Legge 13/2009 di alcune utenze del Valdarno Superiore è stata effettuata con Delibera di ATO n.14 del 14 ottobre 2010, nella quale venivano indicati i comuni di: San Giovanni Valdarno, Cavriglia, Montevarchi, Terranuova Bracciolini e Loro Ciuffenna. Mentre non risulta alcun inserimento dell’allora Comune di Castelfranco di Sopra".

Tra l'altro, fanno ancora presente gli organizzatori della raccolta firme, le bollette ricevute a Castelfranco hanno sempre riportato la dicitura 'Utenza non servita da impianto di depurazione attivo'. Per questo motivo "si ritiene infondato e illegittimo l’adeguamento
tariffario richiesto agli utenti che non usufruiscono di alcun servizio ex Legge
13/2009 e si invita il gestore Publiacqua e l’Autorità di Controllo ad una attenta verifica
delle procedure e delle comunicazioni inviate, che per la loro scorrettezza ed inefficacia,
dovrebbero essere addebitate ai responsabili del procedimento e non riversate sugli utenti".

Articoli correlati