25, Aprile, 2024

In Secchieta al Cippo dei Partigiani, il 25 aprile a Reggello si apre sui luoghi della Resistenza. In memoria di ‘Arrivabene’

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Sono state dedicate al partigiano Vittorio Cecconi, alias ‘Arrivabene’, scomparso tre mesi fa, le celebrazioni organizzate dal comune di Reggello in occasione del 78° anniversario della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazifascista. Cecconi era l’ultimo partigiano reggellese ancora in vita, instancabile testimone della lotta di Liberazione, sempre presente ogni anno, nonostante l’età, alle cerimonie del 25 aprile.

E le celebrazioni sono tornate, come accade ogni anno, nei luoghi simbolo della Resistenza del territorio. Prima tappa in Secchietta, dove il sindaco Piero Giunti, insieme agli amministratori dei comuni limitrofi, ai rappresentanti di Anpi e al consigliere regionale Benucci, ha deposto la corona di alloro al Cippo dei Partigiani, con l’accompagnamento musicale della Filarmonica “Giuseppe Verdi”- Associazione Musicale “Giovanni da Cascia” di Reggello.

L’altro appuntamento, in tarda mattinata, si è tenuto invece in piazza IV Novembre a Reggello, con il saluto delle Autorità Comunali, la deposizione di corone di alloro ai Monumenti ai Caduti e l’accompagnamento musicale dell’Orchestra della Filarmonica G. Verdi di Reggello e della scuola di musica Giovanni da Cascia. Un momento di celebrazione, di riflessione e anche di festa per far non dimenticare i momenti che segnarono, dopo anni di dolore e distruzione, la fine della guerra e del fascismo.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati