06, Febbraio, 2023

Il sindaco e il vicesindaco hanno preso parte alle commemorazioni per il rapimento di Aldo Moro

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Filippo Boni, autore del libro “Gli eroi di via Fani”, è intervenuto alla diretta Rai, Leonardo Degl’Innocenti o Sanni ha rappresentato Cavriglia alla cerimonia ufficiale

Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi sono i cinque agenti della scorta di Aldo Moro, due carabinieri e tre poliziotti, trucidati dalle Brigate rosse in via Fani e che finirono fin da subito in secondo piano, per poi venire dimenticati. Erano le 9.00 del 16 marzo 1978. A 40 anni dal rapimento del presidente dalla Democrazia cristiana, ucciso dopo 55 giorni di prigionia, il vicesindaco di Cavriglia Filippo Boni ha pensato di dare il giusto riconoscimento ai cinque servitori dello Stato con il libro, "Gli eroi di via Fani", dall'8 marzo in libreria. Per questo, insieme al sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni, ha preso parte alle commorazioni ufficiali.

Filippo Boni ha preso parte alla diretta RaiNews24 da via Fani e ha presentato il libro che ricostruisce, con testimonianze e racconti, la vite spezzate di quei cinque uomini, le loro speranze, i loro sogni, il loro triste destino. Un impegno personale e civile che ha portato l'autore a ricordare ognuno di loro e a ritratteggiare una vicenda che ancora presenta molti lati oscuri.

"Mi piace pensare che che oggi sia un giorno spartiacque in cui si inverta la rotta – ha commentato Filippo Boni – Il 16 marzo 1978 fu il nostro 11 settembre, ma nel corso di questi 40 anni non abbiamo compreso il valore della memoria delle vittime. Dobbiamo ripartire dalla loro testimonianza di dolore per consegnare ai nostri giovani un futuro più consapevole".

Il sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni ha, invece, rappresentato il Comune di Cavriglia alla commemorazione ufficiale in via Fani alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e delle massime autorità dello Stato. Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha scoperto una lapide commemorativa in memoria degli agenti della scorta uccisi alla presenza di una rappresentanza dei loro familiari. Il Capo dello Stato, ha deposto una corona di fiori.

"Per me è stato un onore rappresentare il Comune di Cavriglia, uno dei pochi comuni presenti a questa cerimonia insieme alle più alte cariche dello Stato e al Sindaco di Roma Virginia Raggi e portare la mia vicinanza ai familiari di Aldo Moro".

Articoli correlati