07, Ottobre, 2022

Giornata internazionale contro omofobia, bifobia e transfobia: all’auditorium Le Fornaci appuntamento con “Freeheld”

Più lette

In Vetrina

Martedì 17 maggio si celebra in tutto il mondo la ricorrenza promossa dall’Unione Europea. A Le Fornaci alle 21.30 viene proiettato il film di Peter Sollett che racconta la storia d’amore, tutta al femminile, e la battaglia che le due protagoniste hanno condotto per ottenere giustizia

Una grande storia d’amore, ma anche la cronaca di una battaglia per conquistare il diritto di prendersi cura della persona amata. È “Freeheld”, il film di Peter Sollet presentato al Toronto International Film Festival e tratto da una storia vera che sarà proiettato martedì 17 maggio alle 21.30 all'auditorium Le Fornaci di Terranuova a cura di Macma. L'iniziativa cade nella giornata internazionale contro omofobia, bifobia e transfobia promossa dall'Unione Europea. In apertura di serata interverrà l'assessore Caterina Barbuti.

Il film statunitense racconta la storia d’amore, tutta al femminile, e la battaglia che le due protagoniste hanno condotto per ottenere giustizia. “L’approvazione della legge che istituisce le unioni civili anche per le coppie omosessuali, oltre ad essere un provvedimento che l’Italia aspettava da tempo,sarà soprattutto una rivoluzione culturale – dice Caterina Barbuti, assessore alla cultura – Adesso dobbiamo combattere l’omofobia e tutte le altre discriminazioni”.

La pellicola racconta la vicenda di Laurel Hester (il Premio Oscar Julianne Moore) e Stacie Andree (Ellen Page), e della lotta che condussero per ottenere giustizia. Quando alla pluridecorata detective del New Jersey Laurel viene diagnosticato un cancro, decide di assicurarsi che la sua pensione vada alla sua compagna Stacie. Ma i funzionari della Contea di Ocean, detti Freeholders, non le riconoscono questo diritto. Il Detective Dane Wells (Michael Shannon), e l’attivista per i diritti civili Steven Goldstein (Steve Carell) si uniscono a Laurel e Stacie coinvolgendo altri agenti di polizia e la comunità a sostegno della loro battaglia per l’uguaglianza.

L’obiettivo della giornata internazionale è quello di promuovere e coordinare eventi internazionali di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno dell’omofobia, della bifobia e della transfobia. La scelta della data non è casuale, ma dovuta al fatto che il 17 maggio 1990 l’omosessualità venne rimossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità dall’elenco delle malattie mentali. Ideatore della Giornata è Louis-Georges Tin, curatore del “Dictionnaire de l’homophobie” e del saggio “L’invenzione della cultura eterosessuale”.

Articoli correlati