29, Gennaio, 2023

Gara d’appalto di Csai senza clausola sociale, la Cgil si rivolge anche ai sindaci dei comuni soci

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il segretario provinciale della Cgil Alessandro Mugnai: “Ai Sindaci chiediamo un pronunciamento. A Csai un atto amministrativo che rimedi quanto è stato fatto e garantisca i lavoratori”

"La burocrazia ha creato il problema, la burocrazia lo deve risolvere garantendo ai lavoratori i diritti che la legge oggi indica". Così Alessandro Mugnai, Segretario provinciale della Cgil, chiede alla società Csai di rispondere in maniera positiva alle richiese avanzate dalla Filcams, ma chiede anche ai sindaci dei comuni soci di intervenire in merito. 

La questione riguarda l'inserimento della clausola sociale in una gara d'appalto. "Csai – spiega Mugnai – non è una qualsiasi impresa privata ma una società a prevalente capitale pubblico con i Comuni di Terranuova Bracciolini, Castiglion Fibocchi, Loro Ciuffenna, Laterina, Cavriglia, Montevarchi, Castelfranco di Sopra, Pieve Santo Stefano, Subbiano e Caprese Michelangelo. Questa società ha fatto una gara d'appalto decidendo di non inserire la cosiddetta clausola sociale. Cioè quella norma che garantisce ai lavoratori il mantenimento dell'occupazione qualora ci sia un cambio di gestore nel loro servizio".

"La motivazione – spiega ancora il segretario Cgil – sarebbe che al momento della pubblicazione del bando, la clausola era solo facoltativa e non ancora obbligatoria". Una giustificazione che non convince Mugnai: "Anzi, rende la scelta ancora più grave. Vuol dire che Csai rispetta i diritti dei lavoratori non sulla base di un principio etico ma solo se obbligata dalla legge. Vorrei sapere, e lo chiedo ai Sindaci interessati, se il sistema pubblico che anima Csai condivide questa impostazione. Lo chiedo, uno per uno, a tutti i sindaci interessati e vorrei sapere se in questo drammatico momento pensano che sia giusto e possibile non garantire ai lavoratori un diritto che oggi è stabilito per legge".

Ai Sindaci la Cgil provinciale chiede un pronunciamento. A Csai un atto amministrativo che rimedi quanto è stato fatto e garantisca i lavoratori.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati