02, Luglio, 2022

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

Furti in un’abitazione e in un negozio: i carabinieri con due operazioni lampo denunciano tre persone

Più lette

In Vetrina

Non si ferma la lotta alla microcriminalità in Valdarno aretino: i carabinieri della compagnia di San Giovanni in due diverse operazioni, condotte in tempi brevi, hanno fatto luce su due diversi furti messi a segno in un’abitazione ed in un negozio di Montevarchi e identificato e denunciato tre persone, pregiudicate.

La prima vicenda riguarda un furto di oggetti in oro effettuato a più riprese in un’abitazione. Alcune migliaia di euro il valore del bottino. A dare il via alle indagini è la denuncia di una coppia, residente nell’appartamento, dopo la scoperta della sparizione di molti monili. I carabinieri di Montevarchi cercano subito di ricostruire l’accaduto: la coppia afferma di non aver lasciato la casa per molto tempo, di non aver mai visto segni dell’ingresso di ladri, di chiudere sempre a chiave la porta di casa, e di chiudere regolarmente le finestre.

Le indagini continuano e vengono esaminate le immagini delle telecamere di sorveglianza: i carabinieri scoprono così che responsabile del furto è una donna,  un’ultrasessantenne amica della coppia che, nel corso di alcune visite di cortesia, approfittando di alcuni momenti di distrazione dei due, si è introdotta nella loro camera da letto e si è impadronita della refurtiva, per poi piazzarla presso un compro-oro che è, poi, risultato apparentemente estraneo ai fatti.

La donna è stata denunciata in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo, per furto in abitazione.

Il secondo caso, invece, riguarda un furto all’interno di un birrificio:  denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo, per furto aggravato, due uomini di 40 e 30 anni, già noti alle Forze dell’Ordine.

I due, durante la notte, si sono introdotti nei locali dell’esercizio commerciale dopo aver scassinato la porta d’ingresso ed hanno portato via un barattolo destinato alla raccolta delle mance lasciate dai clienti: all’interno poco più di cento euro in monete e banconote di piccolo taglio.

 

 

Articoli correlati