25, Maggio, 2024

Figline e Incisa, Giorgia Arcamone si candida: guiderà la lista civica “CambiaMenti”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Giorgia Arcamone scende in campo: sarà candidata sindaco a Figline e Incisa, alla guida di una lista civica. Lo ha annunciato lei stessa, con una lettera che sancisce lo strappo definitivo con i vertici dei partiti che hanno scelto Pittori.

Ho appreso con profondo rammarico della scelta del candidato dei partiti di cdx. Come capogruppo di Fdi – scrive – ho assolto il mio ruolo con più di 70 atti, rappresentando il partito in questi anni in consiglio, trovando soluzioni importanti e decisive durante la pandemia Covid in risposta alle necessità della comunità. La scelta dei vertici dei partiti si è invece direzionata non sul merito e la rappresentanza nella comunità, bensì su una decisione calata dall’alto peraltro su di una persona espulsa da uno dei partiti del centrodestra che negli anni non si è certo contraddistinta per l’impegno sul territorio, anzi”.

Ritengo che tale scelta del candidato non rappresenti la voce del mondo civico e di tutto il cdx che non è fatto solo di partiti. Mettersi a disposizione della comunità non finisce con una scelta partitica ma come promesso continuerò a impegnarmi per il bene di Figline e Incisa e di chi crede, e continuerà a credere nel mio lavoro svolto, non a scopo personale, ma solamente nell’interesse dei cittadini”, aggiunge Arcamone.

“Pertanto non mi tiro indietro alle tante richieste che ho avuto, ma, mantenendo fede agli impegni presi, mi candido come Sindaco con la lista civica “CambiaMenti – il futuro già presente”, che coinvolgerà tutti quelli che non si sentono rappresentati da una scelta imposta dall’alto non tenendo conto del sentire della cittadinanza. “CambiaMenti- il futuro già presente” nasce per continuare il lavoro di ascolto delle varie istanze con l’ottica di cambiare tutto ciò che in questi anni ha portato il nostro comune ad un appiattimento al ribasso”, conclude Giorgia Arcamone.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati