28, Settembre, 2022

Feste del Perdono in tempo di Covid. Castelfranco le annulla; a Montevarchi si lavora al piano anti-contagio

Più lette

In Vetrina

La Pro Loco di Castelfranco ha annunciato di aver preso la decisione di annullare l’evento per quest’anno. Il comune di Montevarchi sta invece lavorando all’organizzazione

Il Perdono di Castelfranco quest'anno non ci sarà: festeggiamenti annullati in considerazione dell'attuale situazione e delle misure necessarie per arginare i contagi. L'annuncio è arrivato ieri direttamente dal Consiglio direttivo della Pro Loco Arnolfo di Cambio, attraverso un post su facebook. 

"Dopo gli incontri del consiglio e tutte le valutazioni tecniche necessarie abbiamo deciso di annullare la festa del "Perdono 2020". Fino all'ultimo abbiamo portato avanti la nostra intenzione di organizzare almeno tre serate di intrattenimento in una versione ridotta della manifestazione; tutto è decaduto per le limitazioni imposte dalle misure di sicurezza per il contenimento del virus Covid-19, non sarebbe stata una facile gestione organizzativa, visto i luoghi dove dovevano essere svolti".

"Il momento non ci consente di organizzare il Perdono con la consueta serenità. Abbiamo pertanto deciso di rimandare la manifestazione al prossimo anno. È stata una decisione molto difficile, che abbiamo preso a malincuore ma tutti d'accordo, lo facciamo nell'interesse di tutti. Per cui le manifestazioni di competenza della Pro-Loco non saranno svolte. Con la speranza di poter offrire nel 2021 una festa del perdono degna di significato e aperta ovviamente alle più svariate proposte auguriamo a tutti una serena estate". 

Nei giorni scorsi era arrivata la decisione di annullare tutto anche da Terranuova. A Montevarchi invece la Giunta ha deciso di lavorare all'organizzazione della Festa anche nel 2020, seppur in versione rivista e ridotta: si svolgerà dal 4 all'8 settembre, e si sta procedendo in questi giorni alla redazione di uno specifico piano per la sicurezza e la prevenzione per le per le manifestazioni che si terranno. 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati