14, Agosto, 2022

Estensione dei servizi acqua e metano, Siamo Montevarchi: “Condizioni incomprensibili”

Più lette

In Vetrina

Il movimento Siamo Montevarchi analizza la lettera inviata dal sindaco Chiassai Martini ai cittadini per informarli della nuova opportunit di estendere le reti dei servizi, lasciando a carico dei cittadini i soli costi di allacciamento

Parla di condizioni e dettagli "incomprensibili", il movimento Siamo Montevarchi, in riferimento alla nuova opportunità annunciata dal sindaco Chiassai di collegare zone non ancora servite alle reti idrica e del gas metano. "In tutta franchezza siamo rimasti meravigliati, anzi, favorevolmente impressionati, dall’annuncio della sindaca circa l’estensione della rete idrica e del metano.  Abbiamo atteso un po’ di tempo prima di fare valutazioni sull’annuncio stesso e, cioè, che il cosiddetto “patto” con i gestori dei due servizi a carattere industriale fosse reso noto. Ad oggi non se ne riscontra traccia in atti pubblici ma è possibile comprendere qualcosa in più esaminando le lettere inviate dalla sindaco ad alcuni dei cittadini". 

"Intanto – scrive Siamo Montevarchi – si comprende come l’estensione delle reti sia circoscritto sostanzialmente ad una zona molto limitata. E le condizioni? Singolari ma perfettamente in linea con il modo di amministrare al quale siamo ormai abituati. Il comune pagherà le spese per la condotta idrica. I cittadini, quindi, compresi coloro che risiedono nel sistema di case sparse del pian di Levane e Levanella non serviti dall’acquedotto e che rimarranno esclusi dall’intervento, sosteranno le spese. Addirittura coloro che a pagamento si allacceranno alla rete idrica dovranno dismettere le fonti idriche di approvvigionamento privato delle quali si stanno servendo: trattandosi di un’area con proprietà private con giardini e orti, o dovranno farli seccare oppure innaffiarli, nel periodo consentito e quindi non in quello estivo, con l’acqua dell’acquedotto con spese esorbitanti rispetto all’utilizzo dei pozzi che dovranno dismettere. Francamente ci pare incomprensibile dettare una simile condizione. Evidentemente qualcuno è allergico al verde". 

"Per quanto riguarda il metano – conclude Siamo Montevarchi – ci pare che la situazione sia ancora più ingarbugliata. Intanto delle fantomatiche estensioni della rete in collina non si trova alcuna traccia: d’altronde annunciare che si porterà il metano ad Ucerano equivale ad affermare che da Montevarchi partiranno le sonde per Venere. Addirittura incomprensibile una delle condizioni esposte dal sindaco nella lettera: Centria valuterà caso per caso la possibilità di agevolazioni nei costi di allacciamento. Attendiamo di vedere l’accordo sottoscritto in forma ufficiale". 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati