09, Agosto, 2022

Dal via libera alla terza corsia Rignano ottiene la Variante di Troghi: la soddisfazione del sindaco Lorenzini

Più lette

In Vetrina

Il 28 di maggio la Conferenza dei servizi si è chiusa con il via libera al progetto di Autostrade per la terza corsia fra Firenze Sud e Incisa. Il comune di Rignano ha visto accogliere gran parte delle proprie richieste, tra cui l’opera compensativa più importante, la Variante alla Sp1 per l’abitato di Troghi. “Siamo molto soddisfatti”, commenta il primo cittadino

Troghi avrà la sua Variante alla Sp1, una strada alternativa che consentirà di bypassare il centro della frazione di Rignano e togliere dunque il traffico che da anni costituisce uno dei problemi più avvertiti, dai cittadini. La conferma arriva dall'amministrazione guidata dal sindaco Daniele Lorenzini, che ha chiesto e ottenuto questa opera come compensazione ad Autostrade. 

"Nei giorni scorsi – spiega il primo cittadino – si è concluso un percorso lungo e complesso che ha impegnato l'Amministrazione sin dal suo insediamento". La Conferenza dei Servizi con la Società Autostrade per i lavori relativi alla terza corsia dell’A1 nel tratto tra Firenze Sud e Incisa si è conclusa con il via libera definitivo lo scorso 28 maggio.

"Nel tempo ci siamo fatti carico di molte questioni – continua Daniele Lorenzini – raccogliendo le istanze dei cittadini in vari incontri fatti nelle frazioni, e per cui oggi possiamo finalmente dire di aver avuto risposte che ci rendono molto soddisfatti". Tra gli interventi più attesi è stata dunque confermata la realizzazione della cosiddetta variante di Troghi: "Un’opera necessaria e di grande impegno economico che finalmente andrà a risolvere una delle situazioni più complesse del territorio rignanese".

Nella Conferenza dei Servizi, infatti, sono stati ribaditi i contenuti e la prescrizione riportata nella Delibera di Consiglio comunale n.13 del 29 febbraio 2016 circa la realizzazione della variante alla Strada Provinciale n.1 Aretina in corrispondenza all’abitato di Troghi: Autostrade per l’Italia ha ritenuto “accoglibile quanto richiesto, poiché la variante proposta risulta connessa con le opere autostradali”. 

"Con questa opera – commenta Lorenzini – riusciamo a raggiungere un duplice obiettivo: la nuova viabilità, infatti, permetterà sia di raggiungere con facilità i caselli dell'A1 sia di mantenere il traffico scorrevole e in sicurezza lungo la Strada Provinciale Aretina separando il traffico locale da quello di passaggio. Grazie alla variante e ad altri interventi programmati sarà finalmente possibile migliorare la vivibilità dell'intera vallata su cui, da tempo, tanto si discute". 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati