17, Aprile, 2024

Da due settimane interrotti alcuni servizi sanitari a Pergine e frazioni

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La segnalazione arriva dal gruppo di opposizione “Pergine Volta Pagina”, con una lettera indirizzata ai vertici del distretto del Valdarno della Asl 8 e al sindaco Neri. A Montalto e Pieve a Presciano stop ai prelievi ematici, mentre a Pergine interrotto il servizio anagrafica. Il tutto senza nessuna comunicazione preventiva ai cittadini

Da due settimane mancano alcuni servizi sanitari a Pergine e in due frazioni del territorio, soprattutto senza alcun preavviso per i cittadini. La denuncia arriva direttamente dal gruppo di opposizione "Pergine Volta Pagina", che ha scritto una lettera alla Asl 8, in particolare ai responsabili del distretto del Valdarno, e al sindaco Simona Neri.
 
La segnalazione fa riferimento a tre casi: nelle frazioni di Pieve a Presciano e Montalto è stato interrotto da quindici giorni il servizio di prelievo per le analisi del sangue, sempre avvenuto con cadenza settimanale. Nel primo caso ogni venerdì, mentre nel secondo paese ogni giovedì e sabato. Per entrambi gli episodi “intendiamo sottolineare che per i giorni in cui questo servizio non è stato effettuato e per i quali, probabilmente, continuerà in futuro a non essere effettuato, non è stata data nessuna comunicazione alla cittadinanza”.
 
A Pergine, invece, il problema interessa il servizio di anagrafica presso lo sportello Cup: anche in questo caso interrotto da circa due settimane, “per cui chi avesse bisogno di tali prestazioni sarà costretto a recarsi a Montevarchi. Anche di questo non è stata data nessuna comunicazione alla cittadinanza”, sottolineano i tre consiglieri nella missiva inviata, tra gli altri, alla dottoressa Domenichelli.
 
“Di fronte a questi episodi, che noi riteniamo gravissimi e profondamente mancanti di rispetto verso i cittadini nonché contribuenti del Sistema Sanitario Nazionale, di fronte alle continue e più che giustificate lamentele dei cittadini, che si sono visti erogare un disservizio senza alcuna comunicazione e motivazione, non possiamo che rivolgere delle semplice domande alle quali speriamo possiate dare risposta al gruppo Consiliare “Pergine Volta Pagina” e soprattutto alla cittadinanza del comune di Pergine Valdarno, nel più breve tempo possibile”, prosegue la lettera.
 
In particolare, i consiglieri Bruni, Randellini e Zamponi chiedono quali sono le motivazioni della sospensione dei servizi in questione e come mai ciò è avvenuto senza informare preventivamente i cittadini.
Inoltre, si chiede ai responsabili del distretto se “questi disservizi, all'apparenza casuali, poiché non motivati né comunicati, sono in realtà il frutto di decisioni prese in seno alla Azienda e discussi anche in seno alla conferenza dei Sindaci del Valdarno. In caso affermativo, qual è stato il parere e/o il voto del sindaco di Pergine Simona Neri davanti a tale proposta”.
 

Articoli correlati