27, Maggio, 2024

Covid-19, didattica a distanza per la scuola secondaria di Incisa e per tre classi di quella di FIgline

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Alla Dante Alighieri di Incisa un alunno positivo e 12 docenti in quarantena, alla Leonardo Da Vinci di Figline un docente positivo e tre classi in quarantena

Un alunno positivo alle scuole medie di Incisa: la Asl ha disposto la quarantena della classe frequentata dal ragazzo e di 12 docenti. Per questo motivo la dirigenza dell'Istituto comprensivo è stata costretta a sospendere la didattica in presenza per tutte le classi delle medie condividendo gli stessi insegnanti.

Alle medie Leonardo da Vinci di Figline, invece, è risultato positivo un docente e, sono state poste in quarantena tre classi che stanno svolgendo didattica a distanza. Tutte le altre classi dai nidi alle scuole medie stanno svolgendo regolarmente attività didattica in presenza.

A darne notizia è il sindaco di Figline Incisa Giulia Mugnai che fa anche il punto della situazione: "Ormai conosciamo bene le regole anticontagio, sappiamo che i controlli servono, ma anche che soprattutto è necessaria la collaborazione di tutti i cittadini.
Dobbiamo fare ancora degli sforzi per contenere il contagio, affinché questa terza ondata, che sta nuovamente saturando gli ospedali e le terapie intensive, possa fermarsi prima possibile".

"Da alcune settimane i contagi sono in costante aumento anche a Figline e Incisa. Insieme alle forze di Polizia stiamo lavorando sui controlli, per fare in modo che si evitino assembramenti e situazioni di potenziale rischio. Siamo stati costretti a chiudere parchi e giardini, dove si riscontrava troppo spesso la presenza non controllata né regolata di bambini e ragazzi (più esposti al contagio a causa delle varianti). Proprio con riferimento ai bambini e i ragazzi, ci stiamo confrontando costantemente con gli Istituti comprensivi di Figline e di Incisa per monitorare l'evoluzione dei contagi sulla popolazione scolastica. Al momento, dagli Istituti (e anche dai nostri nidi) emerge un quadro che non rileva gravi criticità: da sempre, infatti, le scuole sono luoghi sicuri in cui il rispetto delle regole è costante e prioritario".

 

Articoli correlati