24, Giugno, 2024

Contro l’infestazione del ‘poligono del Giappone’ nei corsi d’acqua parte una campagna di sensibilizzazione

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Debutta la campagna di sensibilizzazione promossa dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno e dall’Unione dei Comuni del Pratomagno per frenare l’avanzata del Poligono del Giappone, una pianta aliena, invasiva, che nelle sponde dei fiumi va a formare un autentico muro verde che in autunno ingiallisce e secca. E in primavera cresce e si infittisce rapidamente impedendo l’accesso al corso d’acqua e la crescita di altre specie. Importata dai paesi asiatici a scopi ornamentali, ormai questa pianta colonizza molte aree urbane e invade ampi tratti del reticolo idrografico, anche nell’Alto Valdarno: in particolare il torrente Faella, nel comune di Castelfranco Piandiscò, oggi letteralmente invaso; ma durante i sopralluoghi effettuati per la definizione del piano delle attività di bonifica i tecnici l’hanno rinvenuta anche lungo le aste del Ciuffenna, del Resco e del Borro delle Cave.

“E’ una problema che è ormai emerso in tutta la sua pericolosità a causa della sua altissima capacità di propagazione – commenta Enzo Cacioli, Sindaco di Castelfranco Piandiscò e Presidente dell’Unione dei Comuni del Pratomagno – Il problema della Japonica, altrimenti conosciuta come Poligono del Giappone, pianta infestante in molte zone del territorio valdarnese, pone a tutti coloro che frequentano il territorio l’esigenza di specifiche attenzioni e alle Amministrazioni una particolare urgenza di progettazione degli interventi per limitarne gli effetti sul paesaggio. A questo scopo è di fondamentale importanza la collaborazione sinergica tra Istituzioni e il Consorzio, con reciproci contributi di conoscenze e desidero sottolineare la sinergia tra le istituzioni e il consorzio poiché il rischio è anche quello di un cambiamento nella fisionomia ed estetica del nostro territorio.”

“La Japonica – spiega Simone Frosini, Responsabile tecnico dell’Unione dei Comuni del Pratomagno – è stata inserita dalle organizzazioni per la tutela della biodiversità tra le cento specie più infestanti al mondo, i problemi principali che comporta per il nostro territorio, oltre ad impedire lo sviluppo e la crescita di qualsiasi altra pianta la dove si imposta, sono quelli di natura strutturale: infatti comporta problemi per l’erosione del suolo sia per la struttura dei corpi arginali localmente presenti nei nostri corsi d’acqua.  Questa pianta oltre che una vistosità imponente nelle foglie e negli steli ha un apparato radicale particolarmente potente, che si sviluppa fino a 3 o 4 metri sotto terra facilitando la comparsa di problemi idraulici come il sifonamento arginale. Intervenire in maniera mirata è particolarmente importante, poiché è sufficiente un piccolo frammento di essa trasportato dai torrenti d’acqua per iniziare una nuova propagazione.”

L’invasione del Poligono del Giappone rischia di trasformarsi in una pericolosa minaccia. Per la sicurezza idraulica e per gli ecosistemi: per questo è partita la ricerca di una partecipazione diffusa per tentare di contenere l’avanzata di questa pianta, che ha pochi competitor e uno sviluppo che procede al ritmo di 30 cm alla settimana. Pronti un opuscolo e un volantino che l’ente intende distribuire per invitare i cittadini ad adottare misure di prevenzione adeguate. Lo ha preparato Matteo Rillo, dottore forestale del settore difesa idrogeologica dell’ente, per rendere facili e fruibili le informazioni scientifiche ad oggi disponibili. Una campagna di comunicazione mirata alla collaborazione di tutti per frenare la diffusione del Poligono del Giappone. Successivamente il Consorzio chiamerà a raccolta tutti i partner, a partire dalle ditte che collaborano all’attività di manutenzione ordinaria del reticolo, per un approfondimento tecnico scientifico sull’infestante.

“E’ nata così l’idea – spiega la Presidente del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno Serena Stefani – di far conoscere le caratteristiche dell’infestante e le modalità di trattamento consigliate per evitare di favorirne la moltiplicazione. La presenza di una pianta alloctona fuori controllo, che sta alterando in modo significativo e profondo gli ecosistemi in cui si è radicata, sostituendosi alla vegetazione tipica, è pericolosa e, a medio-lungo termine, può innescare processi deleteri per l’ambiente. Il Consorzio di Bonifica, insieme all’Unione dei Comuni del Pratomagno, svolge un’azione attenta di monitoraggio e osserva tutte le accortezze necessarie per limitare al minimo la sua propagazione, soprattutto lungo i corsi d’acqua, dove attecchisce meglio. Tra questi il voluto ritardo della manutenzione della vegetazione in modo da attendere la fine della stagione vegetativa, quando le sue capacità di riprodursi sono ridotte. Ma non basta”.

“E’ urgente – sottolinea la Presidente Stefani – una presa di coscienza del problema da parte delle autorità fitosanitarie competenti per mettere a punto sistemi di controllo e lotta, prima di arrivare a un punto di non ritorno. Tra l’altro la diffusione di questo infestante su larga scala, in prossimità dei fiumi, rischia di compromettere la stabilità di argini e sponde, amplificando il rischio idrogeologico. In occasione della Settimana della Bonifica 2021, manifestazione nazionale promossa da ANBI con il patrocinio del Ministero della Transizione ecologica, vorrei richiamare l’attenzione su questo problema che, senza un intervento tempestivo, potrebbe alterare il quadro ecologico e paesaggistico della nostra regione”.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati