07, Ottobre, 2022

Consorzio di bonifica al lavoro per la manutenzione dei corsi d’acqua. Investimento da 155mila euro

Più lette

In Vetrina

Dall’inizio di luglio iniziati gli interventi di ripulitura di fossi e torrenti. Operazione partita dal Dogana e dal Giglio, proseguita poi con l’Ornaccio e altri corsi d’acqua. Il punto del Consorzio di Bonifica Alto Valdarno

È in corso a Montevarchi la manutenzione ordinaria sui corsi d’acqua a cura del Consorzio 2 Alto Valdarno per mitigare il rischio idraulico nel capoluogo e nelle frazioni. Una serie di lavori, per un investimento totale di 155mila euro, che sono ripartiti dall'inizio di luglio, dopo il consueto stop ai cantieri, richiesto dalla normativa vigente a protezione della fauna nidificante.

I primi interventi sono stati eseguiti sul Dogana, dall’immissione in Arno fino alla confluenza del Borro di Caspri in località Noferi, e nel Borro del Giglio, i due torrenti che attraversano i quartieri più densamente popolati e urbanizzati della città. Uomini e mezzi si sono poi spostati sui principali affluenti del Dogana. Operazioni di contenimento della vegetazione hanno interessato il Borro dell’Ornaccio alla Ginestra, il Borro Vigna Borranicchi e il Borro Rosso al Pestello.

A breve toccherà al Borro dello Spedaluzzo, che già a fine primavera era stato sottoposto a un intervento per la rimozione dei sedimenti accumulati nella vasca in località Ossaia; poi al Fosso Reale e al Torrente Valdilago alle porte di Levanella; al Torrente Caposelvi nel tratto che attraversa la frazione di Mercatale Valdarno e nel tratto in prossimità dell’immissione in Arno.

“Sono in corso – spiega Serena Stefani, presidente del Consorzio 2 Alto Valdarno – gli interventi programmati con cadenza annuale dal Consorzio, approvati dalla Regione Toscana e definiti con il contributo degli amministratori comunali, tenendo conto delle necessità che si manifestano sui territori e delle segnalazioni che arrivano all’ente e che i tecnici hanno il compito di verificare e valutare. In questo periodo tra l'altro i nostri uffici stanno già lavorando alla stesura della programmazione 2021: è quindi il momento di raccogliere eventuali suggerimenti che ci permetteranno di confezionare un piano sempre più attento e aderente alle esigenze di ogni area”.

“All’interno dell’Assemblea – ha ricordato la Presidente – abbiamo individuato un referente per ciascuna area: una sorta di “antenna” capace di cogliere e trasferire i bisogni delle 'unità idrografiche omogenee' che compongono il comprensorio Alto Valdarno. Per il Valdarno è Mauro Renzoni che lavora in stretta sinergia con il referente tecnico di area, l’ingegner Beatrice Lanusini”.

Ed è proprio l’ingegner Lanusini a illustrare il contenuto dei lavori in corso sul reticolo montevarchino: “La manutenzione ordinaria prevede il taglio della vegetazione presente sulle sponde e in alveo, con l’obiettivo di ripristinare il regolare deflusso delle acque e migliorare le caratteristiche naturali dell’ambiente fluviale, salvaguardando la varietà delle specie vegetali ripariali. In alcuni tratti, come ad esempio nei tratti di valle del Torrente Dogana, sono state conservate fasce di arbusti vicino al livello dell’acqua di magra: una soluzione che serve a ridurre il fenomeno di surriscaldamento delle acque per insolazione, tipica del periodo. La fascia di vegetazione ombreggia zone di interesse naturalistico e di vitale importanza per la fauna che popola i nostri torrenti”. 

“Nel corso delle lavorazioni – preannuncia Lanusini – dovremo procedere al taglio di alcune alberature pericolose per il precario stato di salute, per le dimensioni o per la localizzazione che va ad interferire con opere idrauliche, infrastrutture viarie e reti tecnologiche. Questi abbattimenti saranno eseguiti con l’ausilio di piattaforma aerea e con l’impiego di operai forestali specializzati”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati