26, Giugno, 2022

Conferita la cittadinanza onoraria alle sorelle Mazzetti, superstiti della strage della famiglia Einstein

Più lette

In Vetrina

Commozione e partecipazione per il conferimento della cittadinanza onoraria del Comune di Rignano sull’Arno alle sorelle Lorenza e Paola Mazzetti: “Siamo felici perché ci sentiamo adottate da questa comunità e da oggi ci consideriamo meno sole”. Numeroso il pubblico che ha riempito la sala consiliare.

"Siamo felici perché ci sentiamo adottate da questa comunità e da oggi ci consideriamo meno sole". Poche parole, ma dense di commozione, quelle pronunciate dalle sorelle Mazzetti. Le superstiti dell'eccidio della famiglia Einstein hanno ricevuto la cittadinanza onoraria dal sindaco Daniele Lorenzini, in una seduta straordinaria del consiglio comunale.

Le celebrazioni del 25 aprile sono iniziate questa mattina con la messa, il corteo e la commemorazione in piazza della Repubblica.  Una festa della Liberazione in cui è stato palpabile il peso ma anche il volto umano della storia.

Oggi pomeriggio la sala del consiglio comunale era gremita per la cittadinanza onoraria alle sorelle Lorenza e Paola Mazzetti. Una manifestazione d'affetto che ha coinvolto tutta la cittadinanza rignanese nell'omaggio alle due sorelle – nipoti di Robert Einstein (cugino di Albert), superstiti della strage nazista del Focardo – a cui l'amministrazione comunale, all'indomani della Giornata della Memoria, ha deciso di concedere la propria onorificenza in occasione delle manifestazioni per la Festa della Liberazione.

A seguire, alla presenza delle stesse sorelle Mazzetti nonché del Sindaco Daniele Lorenzini e dei rappresentanti delle associazioni promotrici, si è svolta l'inaugurazione della mostra "Gli Einstein a Firenze e dintorni, storia di una tragedia" – promossa da ANPI Sezione Rignano-Reggello, ARCI Valdarno e Unicoop Sezione Soci Figline-Rignano e dallo stesso Comune di Rignano sull'Arno –  che si terrà fino al 2 giugno 2015 nei locali della Sede delle Associazioni in Via Garibaldi, 11.

La mostra – realizzata in collaborazione con l'Istituto Storico della Resistenza in Toscana, Kidstudio, Lorenza e Paola Mazzetti e  Niccolò Tognarini – è aperta, con ingresso libero, il sabato e la domenica (10:00-12:00 e 16:00-19:00), mentre nei giorni feriali è visitabile su prenotazione chiamando lo 055 8347802.

 

Articoli correlati