05, Febbraio, 2023

Cinema Filarmonica Ambra tra i beni comuni protagonisti del patto di collaborazione tra comune e cittadini

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il comune di Bucine ha sottoscritto un nuovo patto di collaborazione per il progetto “Beni Comuni” con l’Associazione culturale Filarmonica di Ambra per la promozione e valorizzazione dell’unico cinema presente nel territorio, attraverso attività ed eventi culturali

Nuovo patto di collaborazione firmato dal comune di Bucine nei mesi scorsi per il progetto Beni Comuni: questa volta l’accordo è stato stretto con l’Associazione culturale Filarmonica di Ambra. Obiettivo è la promozione e valorizzazione dell’unico cinema presente nel territorio della Valdambra, con attività ed eventi culturali.

“Il Cinema Ambra, per il suo impegno volto a favorire il miglioramento della qualità e quantità d’iniziative culturali e per la sua attività che mira al coinvolgimento della comunità in generale, è stato riconosciuto ‘Bene comune’ dall’Amministrazione comunale di Bucine”, si legge nel post della Filarmonica. Da qui la firma del patto, valido un anno, di collaborazione tra cittadini e comune per la cura e gestione del bene comune.

Al centro della proposta, appunto, la valorizzazione dell’unico cinema rimasto nella zona, allo scopo anche di incentivare spazi di aggregazione sociale; la realizzazione, nel periodo invernale, di una programmazione specifica (anche con film d’epoca restaurati) per la rassegna Giovedì Film, da prolungare nei mesi di luglio e agosto nello spazio adiacente il teatro cinema. Infine l’eventuale proiezione dei film in luoghi diversi dal territori comunale, anche all’aperto.

Ad entrambe le parti spettano alcuni compiti e agevolazioni: tra questi alla Filarmonica Ambra l’organizzazione e realizzazione della programmazione dell’offerta cinematografica, dovrà garantire al comune di Bucine la disponibilità del teatro per un massimo di otto incontri annuali per appuntamenti istituzionali. L’Amministrazione comunale, invece, fornirà consulenza tecnica per il nomale svolgimento delle iniziative, affiancherà l’Associazione nella cura delle relazioni con il territorio, sostenendo anche la promozione degli eventi dal sito e dai profili social istituzionali, oltre a un contributo di duemila euro da erogare in due rate durante l’anno 2018.
Il progetto completo è scaricabile qui.

Il progetto Beni Comuni prevede già ulteriori patti già sottoscritti dal comune insieme ad associazioni o gruppi di cittadini e offre l’opportunità di stipulare Patti di Collaborazione per arrivare alla gestione condivisa di spazi e patrimonio pubblici, "intesi come risorsa materiale, sociale e culturale di una comunità, che gli stessi cittadini e il Comune ritengono funzionali al benessere individuale e collettivo".

 

Articoli correlati