22, Giugno, 2024

Chienni: “La Asl reintegri il personale nell’ufficio prevenzione ed igiene del Valdarno”. A Terranuova casi aumentati ma non gravi

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

In un momento in cui i nuovi casi positivi negli ultimi giorni sono aumentati, in maniera particolare a Terranuova ed a Cavriglia, è necessario avere un ufficio prevenzione ed igiene efficiente e con un numero di medici adeguato alle esigenze della popolazione. Sergio Chienni, presidente della Conferenza dei sindaci del Valdarno, per questo motivo, si rivolge in maniera ferma, ancora una volta, alla Asl Toscana sud est perchè risolva il problema della mancanza di personale medico.

“E’ necessario che la Asl reintegri il personale nell’ufficio prevenzione ed igiene del Valdarno: in questo momento vi sta operando un solo medico a fronte dei tre che vi erano fino ad alcuni mesi fa. La responsabile, infatti, è andata in pensione, un’altra è stata trasferita perchè ha vinto un concorso, quindi, è necessario tornare a tre medici. Da questo servizio dipendono varie funzioni essenziali tra le quali anche le disposizioni delle quarantene e dei tamponi. Ritengo sia indispensabile che l’Azienda agisca immediatamente. Ci tengo a ringraziare la dottoressa Angela Basetti, l’unico medico in questo momento in servizio che si sta sobbarcando il lavori di tre. Ora che c’è una ripresa dei contagi soprattutto tra i ragazzi in età scolare c’è bisogno di intervenire in maniera tempestiva. Il mio è un appello forte, determinato e sentito all’Azienda sanitaria che ho già contattato più volte personalmente perchè agisca in tal senso: il Valdarno ne ha bisogno e ne ha diritto”.

Dal 31 ottobre, nell’arco cioè di 4 giorni, i casi positivi al coronavirus sono saliti a 31. Non sono gravi nè ospedalizzati ma l’attenzione deve essere ancora alta. “Da noi non abbiamo alcun ricoverato, per fortuna i casi di positività non sono in condizioni medio-gravi di salute ma sono asintomatici o con sintomi leggeri paragonabili all’influenza. Circa la metà dei nostri positivi sono in età scolare: sappiamo che in bambini fini a 11 non sono coperti dal vaccino ed hanno meno difese nel contrarre il Covid ma allo stesso tempo, secondo le statistiche, sono coloro che reagiscono meglio alla malattia nel senso che hanno meno sintomi. Bisogna continuare a garantire il rispetto di tutte le prescrizioni perchè è importante le diffusione del Covid sia per la salute sia perchè il contagio ferma interi nuclei familiari. Per questo è importante avere un ufficio prevenzione ed igiene in Valdarno che sia costituito dal numero di medici che servono per dare risposte puntuali e collaborare con la centrale di tracciamento di Arezzo”.

Articoli correlati