28, Settembre, 2021

Carte di credito clonate, attenzione a chi si spaccia per il servizio antifrode

spot_img

Più lette

C’è una nuova truffa che sta imperversando in questo momento in Valdarno: quella delle carte di credito clonate. Ai carabinieri sono state già presentate alcune denunce.

Il modus operandi è studiato nei minimi dettagli da persone a quanto pare competenti del settore: per questo è difficile riuscire subito a capire che si tratta di un raggiro. In contemporanea arriva la segnalazione dell’effettuato prelievo con la carta di credito e la telefonata di una persona che si spaccia per il servizio antifrode della banca. Del titolare della carta conosce tutto: nome, cognome, numero della carta. Spiega con dovizia di particolari che quella appena ricevuta è la notifica di un’avvenuta truffa.

“Per verificare quanto è accaduto vada nella app e clicchi nelle notifiche troverà l’avvenuto prelievo dal suo conto”, dice il truffatore ma non spiega, ovviamente, che questo procedimento serve soltanto a dare il via libera per un altro prelievo. E’ accaduto ieri ad una valdarnese che ha intuito poi il raggiro ed ha contattato la propria banca scoprendo che nessuno dal proprio istituto l’aveva chiamata.

L’appello è rivolto a tutti i valdarnesi: prestate attenzione e non seguite le indicazioni che vi stanno impartnedo per telefono ma chiamate, invece, subito la vostra banca e soprattutto bloccate la carta.

 

Articoli correlati