09, Dicembre, 2022

Borgo Arnolfo: “La struttura in via suor Eleonora Gori è pericolante”, M5S scrive al sindaco, l’assessore Corsi risponde

Più lette

In Vetrina

Il Movimento 5 Stelle di San Giovanni richiama l’attenzione del sindaco Maurizio Viligiardi e degli organi competenti sulle condizioni in cui versa la struttura di Borgo Arnolfo in via suor Eleonora Gori. Pronta la replica dell’assessore David Corsi

La parte del cantiere di Borgo Arnolfo che ricade in via suor Eleonora Gori è pericolante: il Movimento 5 Stelle di San Giovanni sulla scia di alcune segnalazioni da parte dei cittadini sottopone il problema all’attenzione del sindaco Maurizio Viligiardi. L'assessore David Corsi risponde.

"La struttura in legno è logora dagli eventi atmosferici, complice anche il totale abbandono in cui da anni si trova l’area, adesso la barricata sembra sul punto di crollare ed è notevolmente imbarcata come si può vedere dalle foto – sottolinea il Movimento 5 Stelle di San Giovanni – A nostro avviso il problema più grave è che la curvatura del legno tende verso la sede stradale di via Suor Eleonora Gori e in caso di cedimento potrebbe causare danni alle vetture circolanti". 

"Riteniamo quindi urgente un intervento da parte delle aziende che hanno in carico la 
manutenzione di tale struttura, o qualora non sia possibile un loro intervento, sarebbe opportuno trovare una soluzione rapida al fine di evitare almeno il crollo nella sede stradale della struttura pericolante. Pensiamo che sia molto meno oneroso riparare una struttura che attendere inermi il cedimento e porvi rimedio in modo urgente dopo l’eventuale disagio con evidente aggravio di costi". 

L'assessore David Corsi risponde:

"Lo stato in cui versa il cantiere è ben conosciuto dal Comune, così come lo stato finanziario dei privati proprietari. Il Sindaco e l'amministrazione hanno già incontrato, anche la settimana scorsa, il liquidatore per far presente lo stato di inaccettabilità ed indecorosità del cantiere. Data la situazione, stiamo cercando delle soluzioni accettabili e sostenbili da entrambi le parti, comunque con la priorità di restituire il necessario decoro ed evitare problemi di sicurezza di qualsiasi natura. Nello specifico, la recinzione era già stata segnalata come prioritaria per un intervento".

I lavori per la realizzazione del Borgo Arnolfo, dove prima esisteva l'ospedale Alberti, a causa della situazione del consorzio Etruria e di Etruria investimenti sono fermi ormai da molto tempo. Il sindaco Viligiardi in campagna elettorale e nell'ultimo consiglio comunale in ordine di tempo ha ribadito la volontà di risolvere la vicenda di quella che potrebbe diventare una mega opera incompiuta in pieno centro storico.

Articoli correlati