28, Settembre, 2022

Al via il progetto didattico del Consorzio di Bonifica: lezioni a scuola per scoprire il comportamento dell’Arno

Più lette

In Vetrina

Il via dall’Istituto Comprensivo di Rignano. In classe la presidente del Consorzio, Serena Stefani, che ha presentato il dispositivo ‘Flumina’, con cui si possono simulare ondate di piena e calamità naturali

È partito da Rignano, 'Amico CB2', il progetto didattico proposto dal Consorzio di Bonifica dell'Alto Valdarno insieme all’Associazione Eta Beta onlus, con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale. Un progetto che porta in classe lezioni dedicate all'Arno, al suo comportamento e a come l'uomo può interagire con il fiume. 

Prima lezione con gli alunni e gli insegnanti della scuola primaria di Rignano sull’Arno che si sono cimentati proprio con la trasformazione del territorio e l’impatto che questa ha avuto nel corso del tempo sull’Arno: tutto questo grazie all’aiuto di Flumina, un dispositivo con cui si possono simulare piene ed eventi calamitosi. 

Prima di mettersi al lavoro e di provare ad “urbanizzare” il territorio, inserendo ponti, case, fabbriche, campi coltivati, strade e linea ferroviaria, i ragazzi hanno incontrato la Presidente del Consorzio 2 Alto Valdarno, Serena Stefani, che ha illustrato il ruolo e le responsabilità dell’ente nella difesa del territorio.

Al termine della lezione a tutti i partecipanti è stata consegnata la brochure del progetto, realizzata dal Consorzio di Bonifica: poche pagine in cui sono riassunti in modo chiaro e comprensibile tutti i concetti spiegati nel corso della mattinata.

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati