14, Agosto, 2022

Aiuti all’Ucraina: arrivati i volontari di Cavriglia e Castelfranco. Consegnati viveri, farmaci e vestiti

Più lette

In Vetrina

Sono partiti ieri mattina alle 7.00 con 6 furgoni e sono arrivati questa sera intorno alle 19.00 al check point di Budomezh Hrusciv, al confine tra Polonia e Ucraina, i volontari della Misericordia di Cavriglia e San Giovanni e della Misericordia di Castelfranco per portare aiuti alle popolazioni ucraine martoriate dalla guerra.

Viveri, medicinali e vestiti, anche per bambini, sono stati in parte consegnati e destinati alla città ucraina di Mogilev-Podol’skij, gemellata con Cavriglia, che ha dato i natali a Nicolaj Bujanov, il partigiano ucraino che donò la propria vita durante la Resistenza a Castelnuovo dei Sabbioni l’otto luglio 1944. Un’altra parte raggiungerà Leopoli, e l’altra l’orfanotrofio di Skawina, nei pressi di Cracovia, in Polonia, domani nel viaggio di ritorno.

Un viaggio lungo non facile, come è immaginabile, ma dettato dalla volontà di portare aiuti a persone che in questo momento non hanno niente: non hanno più una casa, nè cibo, nè vestiti. 

Manuele Torrini e Jacopo Vannini, volontari della Misericordia di Castelfranco, parlano di una situazione surreale e drammatica: oltre ai pullman che portano aiuti ci sono quelli che vanno al confine tra Polonia e Ucraina a prendere donne e bambini che stanno cercando di mettersi in salvo dalla distruzione della guerra.

Non è la prima volta volta che le Misericordie di Cavriglia e San Giovanni e di Castelfranco organizzano missioni e raccolte umanitarie.

Domani mattina, sabato 12 marzo, il viaggio di ritorno dei volontari si fermerà all’orfanotrofio di Skawina, nei pressi di Cracovia, in Polonia. Poi il ritorno in Valdarno.

Articoli correlati