26, Settembre, 2022

Adottato il piano operativo: priorità al recupero del patrimonio edilizio e rurale

Più lette

In Vetrina

Dopo l’adozione di lunedì in Consiglio comunale, prosegue l’iter procedurale. Il documento di pianificazione urbanistica è già consultabile in municipio e, a breve, sarà anche online

Adottato nel Consiglio comunale di lunedì il Piano operativo, lo strumento di pianificazione urbanistica che disciplina le regole d'uso del territorio e che, una volta approvato, sostituirà i Regolamenti Urbanistici degli ormai ex Comuni di Figline Valdarno e di Incisa in Val d’Arno. Il Piano traduce operativamente e attua gli indirizzi contenuti nel Piano Strutturale (in vigore dalla scorsa estate), definisce le destinazioni d’uso e stabilisce nel dettaglio dove, come e quanto si può intervenire nella trasformazione degli assetti insediativi, infrastrutturali ed edilizi, oltre che nella valorizzazione e nella tutela del territorio comunale, sia nelle aree urbane che in quelle agricole. Per quanto riguarda le previsioni di trasformazione il Piano Operativo ha valenza quinquennale, mentre la parte che riguarda la gestione del patrimonio edilizio esistente non ha scadenza.

“Abbiamo adottato in Consiglio comunale il Piano operativo del Comune unico, che ci consente di avere una visione di insieme su come sarà, dal punto di vista urbanistico, il nostro territorio nei prossimi anni – spiegano il Sindaco Mugnai e l’assessore Bianchini -. È per questo che, nell’iter procedurale che porterà alla sua approvazione, abbiamo deciso di coinvolgere sin da subito i cittadini, promuovendo una raccolta di contributi che all’inizio avevamo ipotizzato potesse durare un mese ma che poi abbiamo deciso di portare avanti per un intero anno, in modo da accogliere più spunti possibili. Il risultato, dopo aver visionato più di 100 proposte e richieste, è questo documento di programmazione urbanistica che punta su una semplificazione delle procedure urbanistiche, specie a favore delle attività produttive. Inoltre, si riducono i tempi di attesa di chi si rivolge al Comune e si chiarisce ai professionisti in che modo è possibile intervenire sulle varie porzioni di territorio. Quanto alle priorità, si punta sul recupero del patrimonio edilizio già esistente, e non sulle nuove costruzioni, oltre che sulla valorizzazione del patrimonio agricolo e sulle opere pubbliche ”.

In maniera particolare il Piano Operativo si incentra sulla riqualificazione degli insediamenti già esistenti, con il completamento di alcune aree urbane e il recupero e la riconversione di zone dismesse o abbandonate. Il documento contiene anche indicazioni chiare sulle possibilità di intervento, da parte dei privati, sul patrimonio edilizio già esistente:  vengono così semplificate le procedure e le operazioni di gestione delle pratiche da parte degli uffici comunali e vengono chiarite a cittadini e professionisti le possibilità di intervento in materia edilizia.

Attenzione puntata anche sul territorio rurale: le aziende agricole e altri soggetti avranno maggiori possibilità di intervenire per tutelare i valori ambientali e paesaggistici. Quanto alle opere pubbliche, l’obiettivo è garantire maggiori servizi ai cittadini e migliorarne la qualità della vita. Grazie anche ad alcune procedure di esproprio, sarà infatti possibile realizzare nuovi parcheggi (ad esempio presso la stazione ferroviaria di Figline e al Matassino, vicino al campo di atletica), nuovi marciapiedi (a Porcellino, Stecco, Focardo, Cesto e Scampata) e intervenire sull’ampliamento del verde (per esempio in zona Sacci) e sulla viabilità (per esempio, realizzando una nuova rotatoria tra via Porcellino e via Rosai).

Prima della sua entrata in vigore ufficiale, il Piano operativo deve essere trasmesso alla Città Metropolitana e alla Regione e, successivamente, pubblicato sul BURT. Da quel momento in poi, i cittadini avranno due mesi per proporre le proprie osservazioni. Seguiranno le controdeduzioni dell’ufficio comunale competente, la votazione in Consiglio Comunale e l’attivazione della Conferenza Paesaggistica (di cui fanno parte la Regione e la Soprintendenza). 

Sul sito www.comunefiv.it (sezione “Pianificazione urbanistica”) sarà possibile visionare il documento adottato. Inoltre, sin da subito, è possibile rivolgersi all’ufficio Pianificazione Urbanistica, che si trova presso il municipio di Incisa e che è aperto al pubblico il martedì dalle 9 alle 13.

 

 

 

Articoli correlati