26, Giugno, 2022

1.000 euro per riavere la borsa. Arrestato dai carabinieri per estorsione ai danni di una minorenne

Più lette

In Vetrina

I carabinieri della compagnia di Figline hanno arrestato in flagranza di reato un 44 enne che si era impossessato della borsa ed aveva contattato la proprietaria, una 17enne di Castelfranco, per ottenere il denaro in cambio della restituzione. Luogo dello scambio la stazione ferroviaria di Figline

Dice di aver ritrovato la sua borsa in terra ma per restituirla le chiede 1.000 euro come rimborso spese. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Figline lo arrestano in flagranza di reato. Si tratta di un marocchino di 44 anni clandestino, senza fissa dimora e già noto alle forze dell'ordine. L'accusa è estorsione e ricettazione.

La vicenda risale alla notte tra venerdì e sabato. La giovane, una 17enne di Castelfranco, uscendo da una discoteca di Firenze si accorge di non avere più la borsa con all'interno documenti, carte e denaro. Il giorno dopo viene contattata dall'uomo che le rivela di averla ritrovata ma che per restituirla vuole 1.000 per una sorta di rimborso spese. La ragazza accetta e fissa l'appuntamento alla stazione ferroviaria di Figline. Intanto informa anche i carabinieri della compagnia locale.

All’incontro, così, la 17enne non è sola, anzi, viene costantemente monitorata dai carabinieri. Al momento dello scambio di denaro il 44enne viene fermato, perquisito e trovato in possesso della somma appena consegnata per la borsa. Subito per lui è scattato l'arresto.

 

Articoli correlati