09, Dicembre, 2022

Tari, stabilite le agevolazioni per il 2022. Aperte le domande

Più lette

In Vetrina

La Giunta Comunale di Montevarchi ha deciso le varie forme di agevolazione tariffaria per la TARI anno 2022 che potranno essere richieste attraverso la presentazione di una specifica richiesta da presentare all’Ufficio “incomune” presso l’Urban Center di via dei Mille.

Nel caso delle utenze domestiche, le agevolazioni riguardano esclusivamente le abitazioni di residenza e in questi casi le domande devono essere presentate entro il prossimo 9 aprile. Spettano a:
– Famiglia in cui è presente una (o più persone) con disabilità o handicap che abbiano: un grado di invalidità almeno del 69%; oppure siano over 65 e non autosufficienti; privi di vista, siano affetti da sordità; siano disabili con handicap grave. Oltre al tipo di disabilità occorre un valore dell’indicatore Isee 2022, inferiore alle soglie indicate, dove si opera una specifica riduzione: con Isee inferiore o pari ad Euro 5.000,00 si ha una esenzione totale; con Isee compreso tra Euro 5.001,00 ed Euro 7.500,00 si applica una riduzione del 60%; con Isee compreso tra Euro 7.501,00 ed Euro 10.000,00 si ha diritto a una riduzione del 50%; con Isee compreso tra Euro 10.001,00 ed Euro 12.500,00 si applica una riduzione del 40%; con Isee compreso tra Euro 12.501,00 ed Euro 15.000,00 si ha una riduzione del 30%.
– Famiglie a basso reddito. L’agevolazione tiene in considerazione esclusivamente la situazione reddituale. Detta situazione viene attestata mediante indicatore Isee 2022. Con un Isee inferiore a € 15.000 si ha diritto a una riduzione del 10%; da uno a tre figli a carico e Isee inferiore a € 15.000 si applica una riduzione del 15%; con quattro o più figli a carico e Isee inferiore a € 15.000 si applica una riduzione del 20%.
– Famiglie dove abitano minori in affido. Se nella famiglia vive un minore in affidamento, indipendentemente dal reddito, si ha diritto ad una agevolazione del 10%.
– Per chi ha meno di 35 anni e trasferisce insieme al proprio partner la residenza nel centro storico, riduzione fino all’80% per i primi tre anni.

Per le attività economiche, invece, sono previste agevolazioni nei seguenti casi.
– Per le nuove attività che aprono all’interno del centro storico, appartenenti alle categorie artigianali, turistiche, servizi destinati ai beni culturali e al tempo libero, commercio al dettaglio e somministrazione di alimenti e bevande al pubblico, riduzione fino all’80% per i primi tre anni.
– Per gli esercizi commerciali ed artigianali situati in zone precluse al traffico a causa dello svolgimento dei lavori per la realizzazione di opere pubbliche che si protraggono per oltre 6 mesi e fino a tre anni con la seguente modulazione: riduzione del 50% nel primo anno, del 70% nel secondo anno, del 90% nel terzo anno.
– Per tutti i locali in cui è possibile l’installazione e l’uso di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il gioco lecito con vincite in denaro (slot machine), si applica la riduzione del 20% per i primi tre anni se: alla data di presentazione della richiesta di agevolazione i giochi siano installati e funzionanti da almeno 18 mesi e si provveda alla loro disinstallazione entro 60 giorni. Inoltre questi giochi non devono essere reinstallati per i successivi 4 anni.

Per le attività economiche, le modalità di presentazione della domanda sono le seguenti:
– nel primo anno entro 60 giorni dal verificarsi del presupposto per l’ottenimento della riduzione;
– nel secondo e terzo anno entro il 1° marzo dell’anno in corso.

Condizione essenziale per ottenere le agevolazioni sulla TARI, sia per le utenze domestiche, sia le attività, è quella di essere in regola con il pagamento della Tassa sui Rifiuti per gli anni 2019 – 2020 – 2021.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati