07, Dicembre, 2021

Esperti da tutta Europa a Vallombrosa per il secondo incontro di Forest’Ed Erasmus+ project

spot_img

Più lette

Si è svolto dal 13 al 15 ottobre il secondo incontro relativo al progetto Forest Ed (Erasmus+), un progetto di respiro europeo di cui l’Associazione Foresta Modello delle Montagne Fiorentine è partner insieme ad altri 6 Paesi dell’area mediterranea Europea.
Il tema del progetto riguarda lo scambio di buone pratiche ed in particolare le attività relative all’educazione forestale e più in generale ambientale nei vari territori dei partner coinvolti.

A patrocinare ed ospitare l’iniziativa è stata l’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve, la Regione Toscana insieme al segretariato Mediterranea di Foreste Modello (MMFN) per il primo e il terzo giorno, mentre il secondo giorno il programma ha previsto una visita al Corpo dei Carabinieri Forestali di Vallombrosa e una visita all’Arboreto Sperimentale. Molti soci di Foresta Modello hanno partecipato durante i tre giorni tra cui associazioni locali come Ecotondo, Il Paese sulla Collina Sara Cerrini, Il Bosco di Rincine, Il Luogo Comune, l’Università di Firenze (DAGRI), il CNR IBE, Polo Tecnico Professionale (PTP) Agribusiness Mugello, l’Agenzia Formativa Proforma, l’ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Firenze, Corpo dei Carabinieri Forestali di Vallombrosa e il Centro di Formazione Forestale di Rincine.

Tutti i protagonisti hanno raccontato la loro esperienza riguardo ai temi del progetto che mirano ad accrescere la consapevolezza dei cittadini su temi legati alla sostenibilità e alla corretta fruizione del territorio attraverso la formazione.

Gli ospiti del progetto erano invece trenta, suddivisi in 7 delegazioni di 6 Paesi che rappresentano quasi tutto l’arco mediterraneo dell’Unione Europea, in particolare: la Provence Model Forest (Francia) capofila del progetto, il Regional Development Fund of Western Macedonia (Grecia), la Fondazione CESEFOR (Spagna), ASPEA (Portogallo), la Istria Model Forest (Croazia), la rete GRAINE (Francia), oltre alla Foresta Modello delle Montagne Fiorentine appunto.

Un momento di scambio eccellente e proficuo di questo progetto che è iniziato lo scorso luglio in Francia e si concluderà il prossimo marzo con l’ultimo incontro in Portogallo, con l’obiettivo di gettare semi per ulteriori collaborazioni e scambi futuri.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati