24, Luglio, 2024

Serristori e intervento del Pd. Trambusti: “Confermata la debolezza dell’amministrazione”, Caramello: “Alle parole seguano i fatti”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dopo l’intervento del segretario del circolo Pd di Figline che chiedeva l’intervento dell’amministrazione per far rispettare i patti territoriali prendono la parola Valentina Trambusti, di Salvare il Serristori, e il consigliere Piero Caramello

Sul Serristori e sul mancato rispetto dei patti territoriali siglati nel 2013 è intervenuto giorni fa Gianni Contri, segretario del circolo Pd di Figline, per chiedere all'amministrazione di sollecitare la Regione. Oggi prendono la parola Valentina Trambusti, di Salvare il Serritori, e il consigliere Piero Caramello.

"Soddisfazione per la richiesta partita pubblicamente dai vertici del Pd di Figline di vigilanza e rispetto dei patti territoriali da parte dell’amministrazione: la stessa esigenza manifestata da più di un anno, insieme al Comitato Salvare il Serristori, dalla nostra lista civica che spesso ha denunciato il mancato rispetto dei patti siglati con la Giunta regionale e il continuo depotenziamento dell’ospedale", ha sottolineato Valentina Trambusti,  della lista civica Salvare il Serristori.

"Il monito lanciato dal circolo Pd di Figline – sottolinea – non fa altro che ribadire quanto sostenuto da sempre: l’amministrazione locale sta dimostrando debolezza sotto molti punti di vista. L’ultima riprova è andata in scena durante il consiglio comunale del 22 dicembre dove la maggioranza pur di non votare a favore di alcune mozioni ha messo da parte il buon senso e si è nascosta dietro una banale scusa: votare contro a ogni mozione presentata dal Movimento 5 Stelle. Nel calderone del no, è finita anche la mozione da me presentata insieme al consigliere Naimi del M5S per richiedere l’istituzione delle commissione Mensa come organo di rappresentanza dei genitori sul servizio di ristorazione reso ai propri figli nelle scuole. Un diritto sacrosanto sancito dalla delibera di Giunta Regionale del quale i genitori non potranno fruire a causa di una presa di posizione totalmente cieca da parte della Giunta comunale: a perdere, durante il Consiglio, è stata la politica intesa come servizio reso ai cittadini. Di questo, a tutti i figlinesi e incisani, l’amministrazione dovrà rendere conto".

Auspica che dalle parole si passi ai fatti il consigliere Piero Caramello.

"Apprendiamo della tardiva presa di posizione dal Segretario del Pd di Figline circa i rispetti dei patti territoriali stipulati nel 2013 a salvaguardia dell’Ospedale Serristori. Adesso chiediamo atteggiamenti coerenti con le dichiarazioni. Affermazioni che arrivano fuori tempo massimo ma che confermano la nostra preoccupazione nei confronti dell’atteggiamento della azienda sanitaria ed evidenziano gli errori che il PD ha commesso in questo ultimo anno".
 
"Siamo tuttavia stupiti – sottolinea Piero Caramello – di questo risveglio, con mesi di ritardo, e di questa conversione sulla via di Damasco quando in più di un’occasione sia il Comitato, le rappresentanze sindacali e le forze politiche avevano denunciato il mancato rispetto dei patti territoriali e in tutta risposta venivano sbandierati accordi milionari. A questo punto – prosegue il consigliere di opposizione – le promesse stanno a zero quanto le parole, vogliamo vedere i fatti e ci aspettiamo risposte puntuali. Invitiamo il segretario del Pd e la maggioranza ad avere un atteggiamento collaborativo e di confronto con le forse sociali, politiche ed i cittadini in quanto il Serristori non appartiene a nessuno ed appartiene a tutti".
 
 

Articoli correlati