08, Dicembre, 2022

Giulia Mugnai chiede nuovi chiarimenti alla Asl: “Prima di tutto gli investimenti sul Serristori”. E annuncia: “Pronta ad incontrare i Cobas”

Più lette

In Vetrina

Il sindaco di Figline e Incisa Giulia Mugnai, dopo le continue polemiche sull’accordo Asl-Frate Sole annuncia: “Chiesti nuovi chiarimenti all’azienda sanitaria. Prima di tutto vengono gli investimenti per il Serristori”. E si dice pronta ad incontrare i Cobas.

Dopo le polemiche infinite per gli accordi dell'Asl 10 con Frate Sole e la manifestazione dei Cobas, prende nuovamente la parola il sindaco di Figline e Incisa, Giulia Mugnai.

Nel pomeriggio di ieri la Asf ha inviato una nota di risposta al sindaco, che il 4 agosto scorso aveva richiesto ulteriori informazioni sull’accordo di collaborazione sperimentale tra Asf e Frate Sole riguardo ad attività chirurgiche da effettuare presso la struttura privata di Figline (delibera Asl n.556 del 18.07.2014), ma anche sullo stato di attuazione degli impegni siglati con i Patti Territoriali del dicembre 2013.

Nella nota l’azienda ribadisce la volontà di riqualificazione dell’Ospedale Serristori sancita anche dai Patti, evidenziando che, rispetto all’anno precedente, nel primo semestre 2014 è aumentata l’attività chirurgica, il numero di accessi al Dea è rimasto invariato e sono incrementati i ricoveri ospedalieri. Per i prossimi mesi la Asl si impegna inoltre ad attivare una significativa attività chirurgica oculistica, con la previsione di eseguire circa 400 interventi di cataratta all’anno. L’Azienda informa anche di essere in procinto di concludere l’iter amministrativo tramite il quale sarà assicurata la presenza fissa del terzo ortopedico al Serristori.

La nota evidenzia inoltre che la convenzione Asf-Frate Sole non mina in alcun modo il progetto complessivo di valorizzazione dell’Ospedale Serristori, ma nasce dalla duplice volontà di smaltire le liste di attesa per protesi all’anca e al ginocchio dell’Ortopedia dell’Osma, nonché di evitare che questo tipo di interventi vengano eseguiti fuori regione.

“Ringraziamo la Asf delle risposte forniteci – ha commentato Giulia Mugnai -. Consideriamo positivamente le linee di sviluppo e i dati comparativi che riguardano il Serristori e, proprio in virtù di questo, a breve attendiamo la presentazione del progetto definitivo del Piano di ristrutturazione dell’ospedale, come anticipato dallo stesso direttore dell’Asf nella riunione del 30 luglio alla presenza dei sindacati. Tuttavia, chiederemo alla Asf di aprire un tavolo con l’Amministrazione comunale al fine di ricevere ulteriori approfondimenti che ci consentano di valutare merito e metodo della collaborazione tra pubblico e privato. In ogni caso ribadiamo che prima di tutto si deve dare attuazione alla ristrutturazione del Serristori, come segno tangibile dell’attenzione dell’Azienda verso le aspettative dei cittadini, i quali chiedono, assieme all’Amministrazione comunale, che sia garantito un servizio pubblico efficiente e funzionale”.

Mugnai si dichiara inoltre più che disponibile ad accogliere la richiesta di incontro delle Rsu Cobas e di tutti quei soggetti che vorranno confrontarsi con l’Amministrazione su questi temi. 

Articoli correlati