19, Giugno, 2024

Torna la rassegna letteraria estiva “Il giardino di Alceste”, quest’anno dedicata a Michela Murgia

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Sarà dedicata a Michela Murgia l’edizione 2024 de “Il Giardino di Alceste”, la rassegna letteraria itinerante di Figline e Incisa, in programma dal 12 giugno al 17 luglio. Quest’anno dunque si celebrerà una delle intellettuali italiane più lucide e appassionate del nostro tempo, con sei serate di letture e musica per riscoprire l’opera e il pensiero della scrittrice, attivista e femminista a un anno dalla sua scomparsa.

“Non a caso – ha spiegato l’assessore alla cultura, Dario Picchioni – il titolo di questa edizione sarà “Non stare solo”, espressione con cui Michela Murgia era solita rispondere a chi con lei sfogava le frustrazioni di un periodo negativo, come raccontato anche da Roberto Saviano nel commovente discorso tenuto al funerale dell’intellettuale sarda”.

Il primo appuntamento è il 12 giugno al Circolo Arci di Palazzolo con “Nati due volte”, una serie di letture tratte “Accabadora”, con cui la scrittrice vinse i premi SuperMondello e Campiello nel 2010. Il Circolo Ricreativo Ponte agli Stolli invece ospiterà il 19 giugno “(Donne) controcorrente” con letture tratte dal saggio “Morgana e lo sono tempesta”, mentre il 26 giugno sarà il turno del Circolo Arci di Restone con “Nel nome del marketing” dall’opera prima della scrittrice sarda “Il mondo deve sapere”. Il 3 luglio toccherà poi a “L’amore (non) uccide” con letture da “L’ho uccisa perché l’amavo. Falso!”, scritto insieme alla giornalista e scrittrice Loredana Lipperini nel 2013, alla Biblioteca “Gilberto Rovai” di Incisa, mentre protagonista della quinta lettura, intitolata “Giocare salva” e in programma il 10 luglio al Circolo SMS di Poggio alla Croce, sarà il terzo romanzo di Murgia, “L’incontro”. Infine, ultimo appuntamento il 17 luglio presso Villa Casagrande a Figline, dove si terranno le letture “Il femminismo (a parole)” tratte dal saggio “Stai zitta, e altre nove frasi che non vogliamo sentire più” del 2021.

Per ogni appuntamento, l’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti e l’inizio sempre previsto per le ore 21.30.

Le letture sceniche saranno interpretate dall’attrice Maddalena Amorini con improvvisazioni musicali della pianista Manuela lori in collaborazione con l’associazione culturale teatrale “I Nuovi”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati