01, Febbraio, 2023

Il Presepe del Borro: storia e manutenzione del vecchio capolavoro del parroco Mencattini

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Nel centro esatto della frazione Borro di Loro Ciuffenna, si trova un prezioso Presepe dei primi anni ’50 L’opera fu costruita da Don Pasquale Mencattini e realizzata con l’aiuto dei parrochiani, tra i quali si è distinto Pietro Galletti, attuale manutentore del presepe. Tra la sua costruzione e il suo riammodernamento, il presepe è stato praticamente abbandonato; poi rimesso a nuovo nel suo sistema elettrico ed idraulico. Questo permette tuttora il suo completo funzionamento assieme ad un accompagnamento sonoro fatto di musiche e racconti che narrano tutta la storia dall’Annunciazione alla nascita di Gesù.

Pietro Galletti, attuale manutentore del presepe e collaboratore nella sua costruzione, racconta come è tornato ad occcuparsi del lavoro più complesso di Don Pasquale Mencattini, ormai deceduto parroco del borgo:” Don Pasquale era il parroco del Borro e si spendeva con entusiasmo  nei confronti della comunità parrochiale. Questo fu il suo capolavoro di manualità e lo costruì lui soltanto insieme ai parrocchiani nei primi anni successivi alla seconda guerra mondiale e sicuramente è stato tra i primi presepi meccanici realizzati. Per questo, il presepe che si muoveva portò visitatori dal fiorentino e dell’aretino a visitarlo durante tutto l’anno. Quando fu costruito, era diverso: nonostante l’innovazione, aveva un impianto elettrico diverso; che adesso non sarebbe più a norma. ”

Prosegue Galletti:” Quando il parroco morì, il presepe fu abbandonato, fino all’acquisto privato del borgo, quando, saputo della sua vecchia gloria, fui chiamato per visionarlo e manutenerlo. Quando ho rivisto il presepe, ho capito che la meccanizzazione non er apiù funzionante e l’impianto elettrico era ormai antiquato. Non ho tenuto il conto dei motorini che ho dovuto cambiare. In principio cìnon ricordavo che quasi tutti i personaggi avrebbero dovuto muoversi, quindi fu un grande lavoro. Certo è da dire, che quando mi sono ritrovato a rimettere le mani sul presepe, è stato bello vedere come Mencattini aveva unito il racconto biblico ai mestieri e le arti Toscane. Per elempio nel presepe c’è una donna che mescola la polenta.”

Durante la visita del presepe, facilmente prenotabile, si accende un sottofondo sonoro, fatto di musiche e parole. Questo fa in modo che oltre alla concentrazione visiva che si impiega per osservare i minimi dettagli delle scene meccanizzate, si è trsportati dalla narrazione della storia di Gesù. Dalla sua Annunciazione alla sua nascita: con una notte di temporali fatti da giochi di luce, una cascata che scroscia e un’ambientazione che, senza scardinare la tradizione, collega Betlemme a un borgo valdarnese.

 

 

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati