23, Maggio, 2024

Figline, biblioteca: tornano le iniziative. 2.800 nuovi libri. “Un bel 9 da parte degli utenti”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Oltre 2800 nuovi libri nel 2022, i microstudi nel catalogo online, un indice di gradimento molto alto da parte degli utenti: la biblioteca Marsilio Ficino di Figline si prepara nel migliore dei modi ad affrontare la primavera e tutte le iniziative che stanno per prendere il via.

Se gli utenti dovessero assegnare un voto alle Biblioteche, sarebbe un bel nove in pagella: è il risultato dei 100 questionari anonimi di gradimento raccolti nelle scorse settimane tra i frequentatori della “Marsilio Ficino” di Figline e della “Gilberto Rovai” di Incisa. Giudizio positivo per il patrimonio librario, “molto” o “abbastanza” adeguato secondo il 90% degli utenti, la cui fruibilità e organizzazione sono valutate ottime o buone da almeno l’80% di chi ha risposto. Apprezzato anche l’orario di apertura, che il 91% giudica “soddisfacente” o “molto soddisfacente”. Le Biblioteche comunali sono aperte al pubblico per 49 ore alla settimana, dal lunedì al sabato (lunedì 15-19, da martedì a venerdì 9-19, sabato 9-13). Così come le strutture, ritenute “molto” o “abbastanza” adeguate in ogni aspetto – spazi, illuminazione, segnaletica, riscaldamento e spazi all’aperto – da oltre l’80% dei rispondenti, con la sola eccezione degli spazi della “Gilberto Rovai”, criticità che verrà risolta con l’apertura della nuova Biblioteca comunale di Incisa, la cui inaugurazione è prevista per metà 2023.

Chiamati a esprimere una valutazione complessiva con un voto in decimi, gli utenti di Figline hanno assegnato 8.83 al servizio, 9.31 al personale, 9.01 all’atmosfera, mentre quelli di Incisa 8.93 al servizio, 9.45 al personale, 9.23 all’atmosfera.

“Numeri eloquenti, dei quali non possiamo che essere soddisfatti e che testimoniano quanto le Biblioteche comunali siano parte della quotidianità di tanti cittadini: dai più giovani, per i quali i locali della “Marsilio Ficino” e della “Gilberto Rovai” sono spazi di studio e preparazione, ai più anziani, che li frequentano soprattutto per il prestito. Nel solo 2022 abbiamo registrato 758 nuovi iscritti (598 alla Marsilio Ficino e 160 alla Gilberto Rovai). Oggi le nostre biblioteche contano oltre 1.600 utenti attivi, quelli cioè che nel corso dell’anno hanno effettuato almeno una operazione (1.157 a Figline e 478 a Incisa). Questo per quanto riguarda l’attività ordinaria, alla quale bisogna sommare il bilancio relativo agli eventi. Nel corso del 2022 le Biblioteche ne hanno ospitati 70 (53 a Figline e 17 a Incisa), circa uno ogni cinque giorni, molti dei quali nei fine settimana, per un totale di 120 ore di aperture straordinarie (75 a Figline e 45 a Incisa) durante le quali tutti i servizi bibliotecari restano attivi. Il 2023 è l’anno in cui nascerà una nuova biblioteca, quella di Incisa. Uno spazio moderno, accogliente e sostenibile, aperto alla comunità, alle associazioni, che farà sempre più di Figline e Incisa Valdarno una città per lettori di tutte le età”, commenta l’assessore alla Cultura, Dario Picchioni.

Da quest’anno, poi, oltre alle copie disponibili in biblioteca, è possibile consultare i Microstudi del Comune anche online, accedendo da casa al catalogo Opac comodamente, disponibile qui: https://bit.ly/catalogoFIV Se la scelta dei titoli e dei temi è curata dal Servizio Cultura e Marketing del territorio, il compito della digitalizzazione è stato affidato a Florentin Bucataru, volontario di servizio civile 2022/23 per il progetto “Una valle di Cultura”.

“Siamo particolarmente fieri di aver avviato il processo di digitalizzazione insieme ad uno dei nostri civilisti, a dimostrazione che i nostri progetti sono realmente formativi e consentono ai volontari di mettersi alla prova in prima persona, seguire le attività dell’ente e supportarlo operativamente”, commenta l’assessore alla Cultura, alle Politiche giovanili e alla Transizione digitale, Dario Picchioni.

Oltre ai microstudi, il patrimonio documentale delle biblioteche comunali conta un totale di circa 62mila documenti, di cui circa 5mila dedicati ai ragazzi e circa 1000 materiali multimediali.

“Si tratta di un patrimonio che, solo nel 2022, è stato incrementato di oltre 2800 unità, grazie all’aggiudicazione di circa 16mila euro di fondi del Decreto a sostegno dell’editoria libraria, a 730 donazioni da parte di privati e ad un ulteriore stanziamento comunale, di circa 10mila euro, che ha consentito sia di rimpinguare ulteriormente gli scaffali delle nostre biblioteche sia di promuoverne le attività e le iniziative di animazione – continua l’assessore -. Questo patrimonio, recentemente arricchito, ci consente di sostenere l’altissimo numero di prestiti annuali che, per esempio, nel 2022 hanno superato le 16.500 unità: un numero che comprende sia le richieste di prestito provenienti dai nostri utenti sia quelle arrivate dalle altre biblioteche del Sistema Documentario Integrato dell’Area fiorentina e da altre biblioteche della città metropolitana o della regione. A questo proposito, da dicembre 2022 la biblioteca Marsilio Ficino è diventata anche gancio Sdiaf per la Rete Documentaria Aretina, che conta 38 biblioteche: questo significa che quelle biblioteche riusciranno ad ottenere un prestito interbibliotecario dall’area fiorentina proprio grazie al servizio offerto da Figline”.

E poi le iniziative della biblioteca Marsilio Ficino di Figline che prendono il via dal 18 marzo e termineranno il 6 maggio con un programma di quindici eventi con presentazioni, laboratori e attività per bambini.

Si comincia con “Le nostre storie”, un ciclo di letture animate per i più piccoli a cura del personale della Biblioteca comunale insieme agli operatori della cooperativa Le macchine celibi. Sono sei gli incontri in programma, tutti nel fine settimana e ciascuno pensato per una diversa fascia d’età. Il primo è quello di sabato 18 marzo alle 10 (per bambini da 0 a 5 anni). Nel pomeriggio del 18 marzo, alle 17, si va alla scoperta del “Valdarno terra di musei”: questo il titolo del volume curato dall’Associazione d’Arno in cui 16 musei del nostro territorio vengono raccontati ciascuno dalla penna del proprio direttore.

Per imparare a leggere davanti altri c’è “Leggere ad alta voce”, il laboratorio base di lettura espressiva in quattro lezioni a cura di Giancarlo Carboni, attore teatrale, voice coach e insegnante di dizione e pronuncia. Gli incontri, aperti a tutti, si terranno il lunedì sera alle 21, a partire dal 20 marzo (lezioni successive il 27 marzo, il 3 e il 17 aprile). Giada Pavesi, giovane ma già affermata autrice di libri per ragazzi, sarà ospite e curatrice del laboratorio in programma domenica 26 marzo, “La luce delle muse”, realizzato a partire dal suo libro illustrato omonimo edito da Emons. Il 1° aprile è la Festa della Biblioteca, appuntamento annuale (al via alle 17) che, come da tradizione, vedrà la premiazione dei lettori più appassionati e degli studenti che hanno frequentato più assiduamente i locali della “Marsilio Ficino” nell’ultimo anno. Saranno poi presentati i nuovi libri acquistati e disponibili per il prestito. Alle 18, lo scrittore fiorentino Daniele Pasquini presenta il suo romanzo “Un naufragio”, edito da Sem.

Sarà invece un pomeriggio tutto dedicato agli scrittori locali quello del 15 aprile. Gli autori saranno selezionati attraverso un avviso pubblico che verrà pubblicato sul sito del Comune entro metà marzo, al quale potranno partecipare tutti i residenti a Figline e Incisa Valdarno e chiunque abbia scritto un volume che tratti temi che riguardano il territorio comunale. A chiudere la “Primavera in Biblioteca” saranno “I misteri di Firenze”, titolo che raccoglie in un volume unico le prime tre indagini del reporter Carlo Alberto Marchi, protagonista dei romanzi (editi da Giunti) di Gigi Paoli, scrittore e giornalista del quotidiano La Nazione, per il quale è stato responsabile della cronaca giudiziaria per 15 anni. Paoli, apprezzato autore di noir in salsa fiorentina, incontrerà i lettori sabato 6 maggio alle 18.

 

 

Articoli correlati