29, Maggio, 2024

Educare alla legalità: all’Oratorio Don Bosco la serata dedicata a “Le mafie in Toscana e in Valdarno”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

“Educare alla legalità” è il titolo del Festival “La città della gioia” che da alcuni anni anima l’inizio del mese di settembre all’interno dell’Oratorio Don Bosco di San Giovanni Valdarno. Nell’ambito di questa iniziativa questa sera, lunedì 11 settembre alle ore 21.15, nell’anfiteatro all’aperto dell’Oratorio Don Bosco, ci sarà un appuntamento dedicato al tema della legalità e al contrasto alle organizzazioni criminali di stampa mafioso, in collaborazione con il Coordinamento del Valdarno di Libera.

L’incontro “Le mafie il Toscana e in Valdarno – conoscere il fenomeno e combattere la loro diffusione” partirà dall’analisi del dossier 2021 scritto da Fulvio Turtulici e pubblicato dal Coordinamento del Valdarno di Libera, e saranno coinvolti nel dibattito il procuratore di Livorno Ettore Squillace Greco, il giornalista del tgr Toscana della Rai Andrea Marotta e il referente di Libera Toscana Andrea Bigalli.

Persone che ben conoscono il fenomeno mafioso nel territorio e che sono in grado di fornire un quadro preciso e dettagliato della presenza delle mafie e delle loro attività. La serata sarà moderata da Pierluigi Ermini, Referente del Coordinamento del Valdarno di Libera, e accompagnata dalle letture di alcune brevi parti del dossier di Fulvio Turtulici lette da Daniela Gori e da alcune parti musicali eseguite da Giampiero Bigazzi e Enrico Bernardoni. Sarà presente il Sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi che porterà il saluto della sua città.

Sarà una nuova occasione anche per ricordare Fulvio Turtulici e il pregio principale del suo lavoro, che è stato quello di raccontare quello che avviene nel corso del tempo, come le indagini partite in un determinato momento si siano poi sviluppate, come le cose si leghino tra di loro, come certi fatti non avvengano a caso, come le mafie siano moderne ed organizzate, come utilizzino oggi il mondo delle professioni, come cerchino di contaminare il mondo imprenditoriale. Non per “occupare” un territorio, ma per sfruttarne le ricchezze e al tempo stesso le sue difficoltà.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati