08, Febbraio, 2023

“A ritrovar la pittura”, taglio del nastro al Palazzo del Podestà con il presidente della Toscana Giani

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

È stata inaugurata al Palazzo del Podestà, alla presenza anche del Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, la mostra “A ritrovar la pittura” curata dall’artista Mauro Capitani e dal critico d’arte Marco Fagioli, organizzata dalla Fondazione Mauro e Nuccia Capitani e dall’Amministrazione Comunale di Montevarchi. Un vero e proprio percorso tra i colori della pittura del secondo novecento toscano, grazie alle opere esposte di 30 diversi artisti, tra i maggiori rappresentanti dell’arte di questo periodo storico della nostra regione.

“L’amore per l’arte di Mauro Capitani – ha commentato Giani – non lo vede solo protagonista lui stesso, tra i migliori artisti della nostra Toscana a cavallo fra la fine del ventesimo secolo e l’inizio del nuovo millennio: ma in questo caso anche come curatore, insieme a Fagioli, di una mostra che è valorizzazione e promozione del patrimonio artistico toscano e ovviamente italiano”.

Anche il sindaco Silvia Chiassai Martini ha sottolineato l’importante apporto di Mauro Capitani e della Fondazione intitolata anche alla moglie Nuccia: “Passione e competenza per l’arte e la cultura, sono alla base della Fondazione oltre che della vita stessa di Mauro Capitani. Il Comune di Montevarchi fa parte della Fondazione, ed questa è la prima mostra che si realizza, proprio al Palazzo del Podestà, che si conferma sede di mostre di alto livello”, ha concluso Chiassai, ringraziando inoltre per il suo lavoro Marco Fagioli.

La mostra, come hanno spiegato i suoi due curatori, intende proporre, attraverso le opere in gran parte appartenenti alla Fondazione stessa, una riflessione sulle vicende della pittura fiorentina della seconda metà del Novecento, mettendo in luce come la pittura Toscana della seconda metà del secolo fu espressione delle figure e dei valori, nelle due diverse culture del realismo e dell’astrazione, di notevole importanza, che aspettano ancora di essere riconsiderate.

La mostra sarà aperta al pubblico nei seguenti giorni e orari: venerdì ore 16-19; sabato, domenica e festivi ore 10-13 e 16-19; 25 Dicembre e 1 Gennaio ore 16-19; 31 Dicembre ore 10-13.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati