06, Febbraio, 2023

Qualità dell’aria, i dati del 2022. In Valdarno in crescita il livello medio di Pm10 rispetto all’anno precedente

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Un andamento leggermente in crescita per la presenza di polveri sottili nell’aria del Valdarno, ma sempre entro i limiti di legge: è la tendenza che emerge dalle prime elaborazioni sulla qualità dell’aria in Toscana, nel 2022, fornite da Arpat.

Nel 2022, come negli ultimi anni, il valore limite relativo all’indicatore della media annuale di PM10 è stato ampiamente rispettato in tutte le stazioni della Rete Regionale, comprese quelle del Valdarno, dove la media annuale è stata pari a 22 µg/m3, con un aumento del 10% rispetto al 2021. In generale, in Toscana, dal confronto tra i valori medi registrati nel 2022 e quelli dei due anni precedenti emerge che questi, lo scorso anno, sono stati in quasi tutte le stazioni superiori al 2021, anno in cui si era registrato un calo rispetto al 2020.

Confronto valori di pm10 per zone

Il limite di 35 superamenti della media giornaliera di 50 µg/m3 è stato rispettato in Valdarno nel 2021, così come era avvenuto anche negli anni scorsi.

 

Per quanto riguarda il biossido di azoto NO2, la situazione del 2022 in Valdarno è stata analoga a quella del 2021, con il pieno rispetto del valore limite relativo alla media annuale di 40 mg/m3.

Confrontando le medie annuali di NO2 nel 2022 con quelle degli ultimi due anni, si confermano i valori registrati nel 2021 e nel 2020. La media di biossido di azoto è rimasta dunque stabile nell’ultimo triennio dopo il trend nettamente decrescente degli anni precedenti.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati