21, Maggio, 2022

Lutto a Rignano per la morte di Padre Francesco Focardi, frate francescano missionario in Bolivia

spot_img

Più lette

L’Amministrazione di Rignano sull’Arno esprime le più sentite condoglianze per la scomparsa di Padre Francesco Focardi avvenuta in Bolivia, dove era partito missionario ed era stato nominato Vescovo emerito. Proprio a lui, nel 2017, era stata assegnata la massima onorificenza delle Tre Corone d’Oro. Padre Francesco, a cui fu data la cittadinanza onoraria rignanese nel 1995, si è distinto nella sua vita per la dedizione agli altri: nato a Rignano nel 1949, il 18 maggio 1975 era stato ordinato presbitero a Piombino. Il 3 ottobre 1975 arrivò in Bolivia dove, prima di diventare Vescovo del Vicariato apostolico di Camiri, ha ricoperto diversi incarichi, tra i quali quello di vicario generale del Vicariato apostolico di Cuevo.

Il Sindaco Daniele Lorenzini ha ricordato la sua figura. “Oggi purtroppo tutta la nostra Comunità dice addio a una dei suoi cittadini più illustri, Padre Francesco Focardi. La sua vita è sempre stata dedicata a chi aveva bisogno. Lo voglio ricordare con un’immagine che lo lega alla sua e alla nostra Rignano. Nel 2017 avevo proposto Padre Francesco per l’assegnazione del Premio Tre Corone d’Oro, un riconoscimento dovuto per una vita dedicata agli altri: nato nella nostra Rignano nel 1949, nel 1975 arrivava in quella Bolivia, terra che ha amato e dove ci ha salutato per sempre. Un legame profondo con un paese in cui è stato Vescovo del Vicariato apostolico di Camiri e ha ricoperto diversi incarichi, tra i quali, anche quello di vicario generale del Vicariato apostolico di Cuevo.
Voglio ricordare, ancora una volta, come nella sua attività missionaria in Bolivia si sia sempre distinto per la sua generosità nell’aiutare i più bisognosi. Si è occupato, fin da subito, della sua nuova terra boliviana con impegno e dedizione: tra le tante opere meritorie ricordo l’Ospedale di Cuevo, la gestione degli orfanotrofi di Camiri, il centro per ragazzi disabili, la casa per anziani, insomma un grande cuore per tutti coloro che hanno bisogno”.

“La sua esperienza – ha concluso il sindaco Lorenzini – ha rappresentato una guida per tutta la nostra cittadinanza, il contributo dato al bene comune da Padre Francesco con le sue opere in Bolivia ha dato lustro e migliorato anche la società rignanese. Francesco mi mancherai, Padre Francesco ci mancherai.”

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati