04, Febbraio, 2023

Turismo, il 2022 chiude in positivo nel territorio reggellese. Meta estiva per eccellenza, Vallombrosa

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dati positivi nel 2022 per il turismo nel comune di Reggello, che vede risalire i numeri dopo i due anni difficili della pandemia. A fare il punto è l’assessora al turismo Priscilla Del Sala, che spiega: “Il 2022 si chiude con dati positivi, che sono risaliti notevolmente anche se ancora non siamo ritornati ai livelli pre-pandemia. Il nostro territorio ha dimostrato di nuovo di riuscire ad attrarre turisti italiani e stranieri con le proprie ricchezze, paesaggistiche e culturali in primis”.

I numeri dimostrano flussi importanti: “I dati ufficiali a disposizione, elaborati dal Centro Studi Turistici, sono riferiti al primo semestre 2022, quando Reggello ha registrato circa 28mila presenze, un numero più che raddoppiato rispetto al primo semestre 2021, ancora segnato da alcune restrizioni della pandemia, ma che si era fermato a 10mila presenze circa”, spiega Del Sala.

Vallombrosa torna ad essere meta privilegiata del periodo estivo: “Quest’anno gli albergatori della zona di Vallombrosa hanno lavorato molto – spiega l’assessora – registriamo un ritorno di interesse di turisti italiani ma anche stranieri per la nostra montagna. Questo anche grazie ai Cammini, che valorizzano le opportunità di un turismo ‘slow’, su cui si può lavorare ancora. Slancio è arrivato anche dal settore dell’e-bike, perché l’area di Vallombrosa si presta bene a questo tipo di attività; hanno funzionato inoltre le iniziative di Pro Loco e Carabinieri della Biodiversità, che hanno riscosso tanta partecipazione. E questo vale anche per le iniziative di ‘Naturalmente Reggello’, il cartellone estivo di escursioni curato dal Comune”.

Anche lontano dal picco della stagione estiva, infine, Reggello ha registrato nel 2022 un buon ritorno in termini di presenze turistiche sia con la Rassegna dell’Olio Extravergine, nel fine settimana prima del 1° novembre; sia con la presenza della mostra “Masaccio e i Maestri del Rinascimento a confronto”, che da aprile a novembre ha avuto luogo all’interno del Museo d’Arte Sacra di Cascia, grazie alla collaborazione con le Gallerie degli Uffizi.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati