17, Agosto, 2022

Terranuova accoglie il progetto di Oxfam Italia di formazione linguistica per donne straniere

Più lette

In Vetrina

Nasce e si sviluppa il progetto “Apriti sesamo: lingue, linguaggi e narrazioni multiculturali”, un laboratorio di italiano finanziato dal Ministero dell’Interno e promosso da Oxfam Italia, con il sostegno del Comune di Terranuova e della Conferenza zonale dei sindaci, per rispondere alle esigenze concrete dei migranti più a rischio di marginalità, stimolando l’interazione con la comunità locale, con le istituzioni e con i luoghi della città.

“Grazie ad Oxfam Italia – ha detto l’assessore alle pari opportunità, Caterina Barbuti – anche quest’anno proponiamo un’attività di conoscenza e approfondimento linguistico per le cittadine provenienti da paesi extra europei, consapevoli che anche attraverso la lingua si possa favorire l’integrazione e migliorare la vita delle famiglie che vivono nella nostra comunità”.

Il progetto “Apriti sesamo”, che si svolge nei locali del Ciaf di Terranuova, si inserisce nel panorama dei servizi già presenti in Toscana che promuovono l’inclusione di migranti adulti e minori, soprattutto se in condizione di fragilità sociale, rivolgendosi in particolar modo alle donne migranti residenti in Valdarno.

“Il corso di alfabetizzazione italiana per donne straniere si svolge il martedì e il venerdì dalle 9.00 alle 10.30 ed ospita circa 15 donne che vogliono imparare la lingua italiana – ha detto Caterina Casamenti, referente area inclusione sociale di Oxfam Italia – per orientarsi in maniera autonoma nei territori. In particolare con questo corso – ha proseguito – intendiamo fornire competenze linguistiche per un approccio ai servizi sanitari e sociali, affinché le donne possano usufruirne senza sentirsi a disagio”.

Il corso sta ospitando anche donne ucraine arrivate in Valdarno a seguito della guerra, “si tratta di bisogni differenti rispetto a chi vive nel territorio da tempo, essendoci un progetto migratorio diverso – ha concluso – tuttavia, cerchiamo di far convivere dentro il corso queste due anime per dare anche uno spazio di socializzazione tra le persone”.

Articoli correlati